Il test di quattro punti per predire il rischio di morte da C. difficile

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 14
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una infezione Clostridium difficile (C. diff) è uno che può colpire il sistema digestivo e più comunemente colpisce le persone che soggiornano in ospedale. Generalmente non è un problema per le persone sane, ma può infettare quelli degli antibiotici, con uno squilibrio di 'batteri buoni' nell'intestino.

Una ricerca pubblicata oggi, 2 agosto 2013, in BMC Infectious Diseases ha per la prima volta individuato un test di quattro unico punto utilizzando le variabili cliniche facilmente misurabili, che possono essere utilizzate per prevedere con precisione il rischio di morte per i pazienti di C. diff. Previsione accurata significa che i pazienti a rischio possono essere gestiti di conseguenza dal team clinico.

Ci sono stati 17.414 casi segnalati in Inghilterra nel 2011 e decessi correlati C. diff rappresentavano il 1,1 per cento di tutti i decessi in Inghilterra e Galles tra il 2006 e il 2010. I pazienti di età superiore ai 65 hanno particolare rischio di morire a causa di una infezione diff C.. Di questi, il 20 per cento sono probabilità di avere una recidiva di infezione una volta gli antibiotici sono ritirati, e vi è una crescente preoccupazione per il numero crescente di ceppi di C. diff resistenti alle terapie farmacologiche.




Il team di ricerca dietro lo studio sono presso l'Università di Exeter e il Royal Devon & Exeter NHS Foundation Trust (RD & E) e sono supportati dal National Institute for Health Research Collaboration per la leadership in Applied Health Research e cura nella penisola sud-ovest (NIHR PenCLAHRC).

Coautore dello studio è stato il dottor Steve Michell, Senior Lecturer in Microbiologia Molecolare presso l'Università di Exeter. Egli ha detto: "I nostri risultati sono entusiasmanti perché identificano un metodo semplice, preciso e robusto per identificare quei pazienti che sono a rischio di morire di una infezione diff C. Le variabili cliniche identificate sono facilmente misurabili, con test che vengono comunemente eseguite. . in ospedale I risultati del nostro studio rafforzano l'evidenza per stabilire l'uso di questa norma in ambito clinico: i vantaggi per il paziente il benessere, la gestione efficiente delle infezioni in ospedale e potenziali risparmi per il SSN e altri servizi sanitari in tutto il mondo , sarebbe immenso. "

Ha aggiunto: "I nostri ringraziamenti vanno a colleghi del RD & E ed i loro pazienti per il loro coinvolgimento in questo studio."

Lo studio ha analizzato le note cliniche di 213 pazienti che erano stati trasferiti al RD & E specializzata C. diff corsia tra il 2007 e il 2009. Il RD & C. diff tasso di E era al di sotto della media nazionale nel corso di questo lasso di tempo.

Analisi delle note cliniche, più ampio le informazioni raccolte, mentre i pazienti erano in ospedale e un follow-up minimo di 30 giorni dopo la dimissione, è stato utilizzato dal team di ricerca per individuare i quattro punti del test.

Questi includono: livelli di albumina sierica (proteina nel plasma sanguigno); frequenza respiratoria; Proteina C-reattiva (una proteina presente nel sangue, i livelli di cui aumentano in infiammazione); e numero di globuli bianchi.

Una semplice regola quattro previsione variabile è stato elaborato sulla base di soglie accettabili per i risultati di ciascuna prova.

Semplicità comparativa della regola, utilizzando meno variabili rispetto a quelli proscritto da altri studi, significa che potrebbe essere utilizzato da non specialisti nel valutare i pazienti all'interno o circa 48 ore di diagnosi. Questo a sua volta significa che più i medici potevano svolgere valutazioni, con più pazienti valutati e gli interventi di gestione messe in atto.

Dr. Ray Sheridan, Consulente Medico presso la RD & E, ha detto:.. "I pazienti con C. difficile sono spesso molto più malato di quello che potrebbero prima guardare Generalmente hanno un sistema immunitario debole e stanno essendo più inclini alle infezioni conseguenza, non lo fanno generare la stessa risposta immunitaria come persone sane farebbe Questo significa che non hanno sempre i segni esterni di infezione;. per esempio, possono avere una grave infezione, ma non avranno una temperatura.

"Questo rende difficile per i non specialisti a riconoscere come i pazienti malati sono e quando iniziare il giusto trattamento E 'importante per ottenere il trattamento: troppo trattamento può vedere nuovi ceppi resistenti agli antibiotici emergono, troppo poco e pazienti potrebbero morire Ci sono.. anche costare implicazioni. Alcuni dei trattamenti più intensivi devono essere davvero su misura per i singoli pazienti e alcuni trattamenti non sono sempre molto bello avere.

Ha poi aggiunto: "Questo strumento molto semplice e veloce, che ogni giovane medico potrebbe utilizzare nel bel mezzo della notte in modo rapido e semplice, le bandiere fino coloro che hanno bisogno di un regime di trattamento veloce e intensivo o un aiuto più anziano Il più veloce che andare avanti con il. . trattamento giusto per il paziente giusto le migliori le possibilità di guarigione sono Questo è uno strumento che dovrebbe essere utilizzato in tutti gli ospedali del Regno Unito al più presto possibile: se abbiamo fatto così avremmo salvare più vite ".

Egli ha detto: "Questo studio un grande esempio di università e gli ospedali che lavorano insieme per un beneficio diretto del paziente."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha