Il test genetico può essere utile nel trattamento di cancro colorettale

Giugno 16, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per i 29.000 pazienti negli Stati Uniti con carcinoma colorettale metastatico, la chemioterapia con irinotecan è un trattamento standard che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza. Ma per più di uno in 10 di questi pazienti, una variazione nel loro DNA significa che questo trattamento potrebbe comportare una grave riduzione della loro globuli bianchi, portando ad un alto rischio di infezione batterica e possibile morte successiva.

Un nuovo test genetico può identificare quelli con la variazione per abbassare la dose di trattamento - tuttavia, è stato chiaro se il test è utile.

Un nuovo studio di costo-efficacia guidato da scienziati del Weill Cornell Medical College ha stabilito che la cosiddetta sperimentazione pretrattamento farmacogenetica è solo utile se è indicato il trattamento alla dose ridotta di essere quasi efficace come la dose completa. Se la dose più bassa è efficace, il test potrebbe evitare molti casi di neutropenia grave, anormalmente basso conteggio di un tipo importante di globuli bianchi noti come neutrofili. Sarebbe anche significare una migliore aspettativa di vita e ridurre il costo delle cure.




Lo studio appare in linea in Cancer Journal e si prevede in stampa nel numero 1 set.

"Testing farmacogenetica è relativamente nuova innovazione trattamento che potrebbe rivelarsi uno strumento prezioso per i medici, come si sviluppano trattamenti personalizzati per i pazienti affetti da cancro per ridurre al minimo gli effetti collaterali, pur mantenendo i risultati", dice l'autore il Dott Heather Taffet Oro, professore assistente presso la Divisione di politica sanitaria presso il Dipartimento di sanità pubblica a Weill Cornell Medical College. "I nostri punti di studio a significativi benefici potenziali per i test di farmacogenetica pretrattamento per il cancro del colon-retto metastatico, ma resta da verificare per la ricerca clinica."

Lo studio ha utilizzato un modello di simulazione al computer che segue i pazienti trattati con il ipotetici FOLFIRI (5-fluorouracile/leucovorin con irinotecan) regime chemioterapico per il cancro del colon-retto metastatico. Il modello ipotizza che sotto solita cura, i pazienti hanno ricevuto una dose piena di irinotecan. Con i test genetici, dosaggio irinotecan è stato ridotto del 25 per cento in individui identificati con il test genetico come avere l'allele UGT1A1 * 28 variante. La riduzione della dose è specificato nell'etichetta droga Food and Drug Administration ha approvato per ridurre al minimo i casi di neutropenia.

Dr. Bruce Schackman, autore senior dello studio, dice, "le valutazioni di costo-efficacia dei test di farmacogenetica possono fornire importanti conoscenze sia il valore clinico ed economico di questi nuovi paradigmi di trattamento, ma pochi di questi tipi di studi sono stati condotti. Importante , questi studi permettono anche di definire in termini economici il valore di ulteriori ricerche sull'efficacia comparativa. In questo caso, abbiamo stabilito che ulteriori ricerche fino a 22 milioni dollari dovrebbe essere condotta per studiare i rischi ei benefici della riduzione della dose in base alla risultati della prova genetica ".

Dr. Schackman è professore associato di salute pubblica e direttore della Divisione di politica sanitaria presso il Dipartimento di sanità pubblica a Weill Cornell Medical College.

"Questo studio è un importante esempio di come l'uso combinato di analisi costi-efficacia e test di farmacogenetica in grado di migliorare i risultati del trattamento," dice il Dott Alvin I. Mushlin, professore e presidente del Cornell Dipartimento di Sanità Pubblica Weill. "Entrambi i metodi sono sempre più parte integrante del progresso della medicina basata sulle prove."

Ulteriori co-autori includono Drs. Michael J. Hall of Fox Chase Cancer Center di Philadelphia e Victoria Blinder di Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York.

Lo studio ha ricevuto il sostegno della American Cancer Society e l'Agenzia per la Sanità e la ricerca di qualità (AHRQ) tramite il Centro di Weill Cornell dell'istruzione e della ricerca su Therapeutics (CERT).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha