Imaging molecolare: diagnosi delle malattie prima che i sintomi Sciopero

Marzo 21, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori della Washington University School of Medicine in St. Louis stanno sviluppando metodi per monitorare gli eventi molecolari nel corpo per diagnosticare la malattia molto prima della comparsa dei sintomi e per prevedere l'efficacia delle terapie farmacologiche. La ricerca è in corso presso la Scuola di nuovo Molecular Imaging Center di Medicina presso l'Istituto di Radiologia Mallinckrodt. Il Centro è finanziato da un quinquennale 9,4 milioni dollari sovvenzione da parte del National Cancer Institute.

"Imaging molecolare combina la più recente tecnologia di imaging con la potenza della biologia molecolare", spiega David Piwnica-Worms, MD, Ph.D., professore di radiologia e di biologia molecolare e di farmacologia e direttore del nuovo centro.

"Crediamo che l'imaging molecolare un giorno ci permetterà di diagnosticare eventi molecolari specifici di cancro, malattie neurologiche o infiammazione in precedenza nel corso della malattia, e che questo aiuterà i medici a identificare la terapia più efficace per il singolo paziente."




Piwnica-Worms descritto imaging molecolare e ricerca che viene fatta presso il Centro nel corso del 40 ° annuale New Horizons in Science Briefing, promosso dal Consiglio per l'Avanzamento della Scienza Scrittura, tenuto 27-30 Ottobre presso la Washington University di St. Louis.

Gli investigatori del Centro utilizzano l'imaging molecolare per studiare le interazioni proteina-proteina, le cellule immunitarie che attaccano un tumore, e il corso di una infezione virale e la sua risposta alla terapia antivirale. Altri ricercatori stanno sviluppando un mezzo per prevedere in maniera non invasiva l'efficacia di particolari farmaci chemioterapici nei pazienti con tumore polmonare avanzato. I ricercatori stanno studiando i tumori del polmone di modi per immagine l'attività di una proteina che pompa alcuni farmaci antitumorali su cellule tumorali, rendendo i farmaci inefficaci per quegli individui.

La tomografia ad emissione di positroni (PET) è un esempio di tecnologia di imaging molecolare già in uso clinico. Scansioni PET sono utilizzati, per esempio, per rilevare la diffusione di alcuni tumori. I pazienti sono dati una forma di zucchero - glucosio - che contiene un'etichetta radioattiva debole. Lo zucchero marcato viene assorbita più rapidamente dalle cellule tumorali che da cellule normali perché le cellule tumorali crescono ad un tasso più veloce. PET-scan rivela questo elevato livello di assorbimento, fornendo in tal modo un mezzo non chirurgico di rilevare un tumore altrimenti nascosti.

I ricercatori del Molecular Imaging Center della Washington University stanno sviluppando nuove applicazioni per le tecnologie esistenti, come il PET, ed esplorare nuovi metodi di imaging molecolare mediante fluorescenza e bioluminescenza sonde ad infrarossi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha