Immunizzazione contro Diabete di tipo 1: topi trattati con successo

Maggio 1, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ricercatori in Francia e Germania hanno trattato con successo il tipo 1 nei topi diabetici con una vaccinazione. Il vaccino hanno progettato in questo modello includeva strutture che gli attacchi del sistema immunitario erroneamente nel diabete di tipo 1.

I ricercatori hanno dimostrato che, in linea di principio, è possibile trattare le malattie autoimmuni (malattie, in cui il sistema immunitario attacca il proprio corpo) inducendo "tolleranza attiva". Ciò significa che l'attivazione del sistema immunitario in modo che non attacca le strutture del corpo, ma li protegge dalla attacco immunitario.

Le malattie autoimmuni si sviluppano quando il sistema immunitario non può più distinguere tra "non-sé" e "io" e gli attacchi proprie strutture del corpo come avviene nel diabete di tipo 1. In questo grave malattia metabolica, cellule T sbagliate del sistema immunitario distruggere le cellule del pancreas che producono insulina, un ormone essenziale per la vita. Le persone colpite, che spesso sviluppano la malattia già durante l'infanzia, sono sottoposti a iniezioni di insulina per tutta la vita.




In precedenza in un esperimento con i topi, Drs. Falk e Rцtzschke hanno dimostrato che è possibile bloccare il sistema immunitario misdirected. Essi vaccinati topi con le strutture modificate di uno stesso organo contro cui il sistema immunitario impazzisce.

Strutture che attivano il sistema immunitario sono indicati come antigeni. I ricercatori del MDC sono riusciti a dimostrare che gli animali sono protetti da questa malattia autoimmune mediante antigeni del corpo collegati tra loro in una catena ripetitiva di copie identiche. Tuttavia, come e perché funziona questo meccanismo di protezione non era chiaro.

L'immunizzazione con antigeni del corpo apre terapia per tutte le malattie autoimmuni.

In collaborazione con il Dr. Ronald S. Liblau in Toulouse, i due ricercatori MDC sono stati in grado di dimostrare che l'effetto protettivo della vaccinazione è dovuto all'attivazione delle cellule soppressori del sistema immunitario. Cellule soppressori bloccare le cellule T.

Tuttavia, le cellule soppressori sollevate contro le strutture del corpo inibiscono selettivamente solo le cellule T che attaccano il tessuto del corpo. Cellule T che attaccano strutture estere come virus o batteri rimangono inalterati da queste cellule suppressor. Il sistema immunitario è quindi nuovamente in grado di riconoscere le proprie strutture del corpo come "self" e tollerare.

"Questo è il motivo per cui le cellule soppressori sono riemersi come un focus di ricerca promettente in immunologia," Dr Rцtzschke sottolineato. "Sopprimere reazioni immunitarie indesiderate attraverso vaccinazioni specifiche con antigeni del corpo si aprirà un nuovo approccio fondamentale al trattamento." L'immunologo è convinto che sarà possibile trattare non solo il diabete di tipo 1, ma anche altre malattie autoimmuni - sia come prevenzione della malattia e la terapia dopo l'insorgenza della malattia.

Il documento, epitopi Multimerized T protegge dal diabete autoimmune sperimentale inducendo tolleranza dominante, dal Dr. Roland S. Liblau dell'INSERM (Institut national de la santй et de la recherche mйdicale) di Purpan University Hospital a Tolosa, in Francia, e il dottor Kirsten Falk e il Dr. Olaf Rцtzschke del Delbrьck Centro di medicina molecolare Max (MDC) di Berlino-Buch, Germania, ora è stato pubblicato on-line negli Atti americani della National Academy of Sciences.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha