Immunoterapia In alto rischio Pediatric sarcomi Spettacoli risposta promettente

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 43
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sulla base di uno studio pilota nei bambini affetti da sarcoma, i ricercatori del National Institutes of Health (NIH) ritengono che l'immunoterapia potrebbe rivelarsi utile nel trattamento di forme ad alto rischio di questo cancro.

I ricercatori hanno testato un vaccino dendritica romanzo così come un vaccino antinfluenzale standard potenzialmente rafforzare il sistema immunitario dopo sistema chemioterapia. I loro risultati, pubblicati nel 1 agosto questione della Clinical Cancer Research, mostrano che anche se il vaccino dendritiche hanno testato non andò così bene come sperato, i bambini partecipanti allo studio hanno risposto bene alla influenza norma vaccine- suggerendo che una strategia per rafforzare immune funzione in questi pazienti promettente per la lotta contro il tumore.

I ricercatori hanno anche scoperto che la sopravvivenza in questi pazienti è stato alla fine più alto di quello che è generalmente visto con recidivante e/o metastatico sarcoma di Ewing (ESFT) o rabdomiosarcoma alveolare (AR) - i due sarcomi testati in questo singolo studio braccio. I 22 pazienti arruolati che non hanno ricevuto immunoterapia hanno avuto un 31 per cento di cinque anni la sopravvivenza globale, rispetto al 43 per cento di cinque anni di sopravvivenza in 30 pazienti che hanno ricevuto alla fine del romanzo immunoterapia.




Anche se lo studio è piccolo, questi primi risultati sono promettenti, dice ricercatore senior dello studio, Crystal Mackall, MD, del del National Cancer Institute (NCI) Oncologia Pediatrica Branch. "Abbiamo bisogno di nuove terapie. Anche se i risultati complessivi di questi tumori sono migliorate nel corso degli ultimi 40 anni, non c'è stato un miglioramento sostanziale per i pazienti con carcinoma metastatico o recidiva. Questo studio dimostra che l'immunoterapia è sicuro e ben tollerato, e potrebbe in definitiva essere utile per questa popolazione ad alto rischio. Mackall chiama lo studio di un approccio razionale al miglioramento del trattamento di ESFT e AR. "Ora sappiamo che il sistema immunitario dei pazienti sottoposti a chemioterapia è malleabile, quindi abbiamo solo bisogno di trovare il miglior approccio immunologico di sfruttare questa finestra di opportunità ", ha detto.

Sia ESFT e AR sviluppare a causa di traslocazioni cromosomiche, che si fondono un gene da un cromosoma a un cromosoma diverso. Il vaccino dendritiche incluso peptidi derivati ​​da tumore di ogni paziente in un modo che è stato progettato per avvisare il sistema immunitario di un paziente per l'alterazione genetica unica sulle cellule tumorali.

In questo studio clinico di 52 pazienti, i ricercatori hanno tentato di usare l'immunoterapia come terapia di "consolidamento" - vale a dire, dopo la terapia standard ha fornito una remissione. I pazienti sono stati sottoposti aferesi per raccogliere i linfociti del sangue che poi sono stati congelati. Da questo, le cellule dendritiche sono state successivamente estratti. Queste sono cellule che presentano un antigene alle cellule T e altri combattenti sistema immunitario in modo da ottenere una risposta.

Tutti i pazienti hanno avuto poi la chemioterapia, radioterapia o interventi chirurgici, a seconda dei casi, e in alcuni casi, un trapianto di cellule staminali per indurre la remissione. I 30 pazienti che hanno iniziato immunoterapia hanno ricevuto un vaccino contro l'influenza comune, così come i loro linfociti e le cellule dendritiche, che era stato infuso con antigeni tumorali. Alcuni di questi pazienti hanno ricevuto anche interleuchina-2, che stimola l'attività dei linfociti T.

"La buona notizia è stato il sorprendentemente piacevoli pazienti risposta delle cellule T dovuto alla vaccinazione contro l'influenza, anche relativamente presto dopo aver completato la chemioterapia", ha detto Mackall. "Ciò dimostra che l'idea generale di usare l'immunoterapia in seguito a chemioterapia per prevenire il ripetersi non è una viziata. Chemioterapia esaurisce il sistema immunitario, ma abbiamo potuto ripristinarlo."

La cattiva notizia, ha aggiunto, è che il vaccino dendritiche "non era molto immunogenico. Abbiamo una lunga strada da percorrere per ottimizzare questo vaccino." Gli studi in corso sono in corso per testare una nuova versione del vaccino, che utilizza le cellule dendritiche più mature e tumore lisato in luogo dei peptidi traslocazione. In ultima analisi, l'immunoterapia efficace richiede che si è in grado di riprodurre una risposta immunitaria forte e continua di antigeni tumorali, "ha detto.

Mackall rileva inoltre che il vaccino in questo processo è stato testato in pazienti in cui il cancro ha recidivato o metastasi. Se il profilo di sicurezza favorevole continua e l'efficacia del vaccino è migliorata con le versioni successive, si potrebbe infine prendere in considerazione l'uso di immunoterapia per consolidare la remissione in popolazioni a basso rischio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha