Importante meccanismo di controllo dietro malattie autoimmuni scoperti

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori dell'Università di medicina svedese Karolinska Institutet hanno scoperto un nuovo meccanismo di controllo nel nostro sistema immunitario. La scoperta è di significato potenziale per il trattamento di malattie gravi come MS (sclerosi multipla), l'artrite reumatoide, e SLE (lupus eritematoso sistemico).

"Ora che abbiamo iniziato a capire i meccanismi regolatori coinvolti in queste malattie autoimmuni, siamo fiduciosi che i nuovi trattamenti possono essere trovati", dice Mikael Karlsson, professore associato presso il Dipartimento di Medicina Karolinska Institutet in Solna, e uno dei team dietro lo studio ora pubblicato sulla rivista di grande reputazione, The Journal of Experimental Medicine.

Una componente importante della nostra difesa immunitaria è un tipo di cellula chiamata cellula B. Normalmente, il lavoro di queste cellule è produrre anticorpi, che a sua volta si legano a e neutralizzare microrganismi invasivi, come batteri e virus. Nelle persone con una malattia autoimmune, spiega il Dr Karlsson, queste cellule B in realtà hanno un effetto pregiudizievole e, invece di servire il corpo, si attivano contro i propri tessuti, che cominciano a rompersi.




I pazienti con SLE e altre malattie autoimmuni hanno bassi livelli di cosiddette cellule NKT. In precedenza, non era noto che parte queste cellule giocano l'origine e lo sviluppo della malattia; Ora, però, il gruppo di ricerca KI ha dimostrato che questa carenza è un fattore patogeno contributiva.

"Abbiamo dimostrato che le cellule NKT possono regolare come le cellule B diventano attivate contro i tessuti sani, e che la mancanza di NKT cellule provoca una maggiore attivazione delle cellule B sbagliata", spiega Karlsson. "Così ora possiamo collegare meccanicamente il difetto di cellule NKT in pazienti alla malattia."

Lo studio mostra anche che le cellule NKT impediscono direttamente l'attivazione delle cellule B difettoso, e che lo facciano presto nel processo misdirected. Il team è riuscito a inibire l'attività delle cellule B patogeni aggiungendo cellule NKT - un risultato che potrebbe un giorno portare a nuovi tipi di trattamento.

"Questo significa che i nuovi trattamenti mirati specificamente le cellule NKT protettive possono aiutare questo gruppo di pazienti", conclude il dottor Karlsson.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha