In colpi lievi, trattamento ultra-precoce può eliminare il rischio di disabilità

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In caso di ictus lieve o moderata, ottenendo un trattamento ultra-veloce - entro 90 minuti di sintomi - riduce notevolmente il rischio di soffrire di disabilità, secondo un nuovo studio riportato sulla rivista Stroke dell'American Heart Association.

L'American Heart Association/American Stroke Association raccomanda di arrivare a un ospedale entro tre ore dalla comparsa dei sintomi di ictus. Secondo le linee guida, i farmaci coagulo-busting possono essere somministrati per il trattamento di ictus fino a 4,5 ore dopo l'insorgenza dei sintomi.

Lo studio ha trovato che i sopravvissuti con lieve o moderata colpi che sono stati dati i farmaci coagulo-busting, nei primi 90 minuti della finestra temporale consigliato avuto poco o nessun disabilità tre mesi dopo rispetto a coloro che sono stati trattati tra i 90 e 270 minuti.




"Trattamento Ultra-precoce aumenta la probabilità di outcome eccellenti nei pazienti con sintomi moderatamente gravi, e in analisi secondaria anche in quelli con sintomi lievi", ha detto Daniel Strbian, MD, Ph.D., del Dipartimento di Neurologia presso l'Università di Helsinki Central Hospital di Helsinki, in Finlandia. "Devono essere adottate tutte le misure per ridurre il tempo di inizio-di-trattamento il più possibile."

Lo studio ha incluso più di 6.800 pazienti con ictus in 10 centri ictus in Europa più di 14 anni. Sono stati trattati per via endovenosa con Alteplase, un farmaco trombolitico che viene dato attraverso una flebo in vena. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi in base gravità dell'ictus - minore (ictus NIH punteggio 0-6), lieve/moderata (NIH punteggio 7-12), o moderata/grave (NIH punteggio superiore a 12). Quelli con lieve a moderata corsa sembrava a beneficiare maggiormente del ultra-precoce cura. Il trattamento precoce anche aiutato quelli con tratti minori, ma la probabilità di disabilità è già molto basso in questi pazienti.

Quelli con grave ictus non ha beneficiato tanto della ultra-trattamento precoce perché avevano una grave ostruzione delle arterie.

"Abbiamo bisogno di più ricerca per offrire qualcosa di più per le persone con colpi gravi", ha detto Strbian.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha