In Etiopia, la divulgazione HIV è bassa

Giugno 19, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In Etiopia, in cui più di 1,2 milioni di persone sono infette da HIV, la divulgazione di infezione da parte dei pazienti è importante nella lotta contro la malattia. Un nuovo studio condotto da un ricercatore di sociologia Brown indaga tassi di informativa sieropositività tra gli uomini e le donne nel secondo paese più popoloso dell'Africa. Nel 17 dicembre problema dell'AIDS Care, Ayalu Reda, uno studente di sociologia laureato, e colleghi di Jimma University in Etiopia ha scoperto che su un campione di 1.540 pazienti in terapia antiretrovirale in Etiopia orientale, la maggioranza (66 per cento) divulgate loro HIV-positivi stato per il coniuge, mentre meno comunicati a fratelli (17 per cento) e altri parenti (16,8 per cento).

Un piccolo numero di pazienti (11,6 per cento) non ha rivelato il suo stato di infezione a tutti. Nessuno dei pazienti aveva rivelato a tutti i membri delle loro famiglie. I pazienti non sposati e analfabeti avevano livelli più elevati di non divulgazione. Reda ha detto che è stato richiesto di condurre lo studio dopo aver lavorato negli ospedali etiopi e vedere molti pazienti rifiutano di utilizzare centri medici locali, scegliendo di essere trattati più lontano da casa. "Avevamo il sospetto che questo possa essere legato al fatto che i pazienti non hanno rivelato il loro stato di infezione per i membri della famiglia e non voleva rischiare di essere visto l'assunzione di farmaci in centri vicini", ha detto Reda.

Tassi bassi divulgazione di questo studio hanno confermato i suoi sospetti, evidenziando una mancanza di consapevolezza sul virus e uno stigma pervasivo circonda coloro che sono infettati.




"Questo creerà ostacoli significativi al processo di trattamento per tutta la vita e la prevenzione della diffusione del virus. Esso può anche aumentare la resistenza ai farmaci. Sforzi consulenza concertata devono essere istituito per creare un ambiente favorevole in cui i pazienti potrebbero rivelare con successo la loro infezione senza la paura della discriminazione ", ha detto Reda.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha