Infezione da HIV legata a ridurre il rischio di sclerosi multipla

Aprile 4, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'infezione da HIV è legata ad un rischio significativamente più basso di sviluppare la sclerosi multipla (SM), indica la ricerca osservazionale pubblicato online sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.

Smorzamento cronica giù del sistema immunitario come risultato dell'infezione e/o farmaci antiretrovirali usati per trattare potrebbe spiegare questa associazione, dicono i ricercatori.

Se successivamente trovato per essere causale, questo potrebbe avere notevoli implicazioni per il trattamento della SM, che suggeriscono.




Dopo il caso di un uomo sieropositivo con MS, i cui sintomi MS scomparso per più di 12 anni dopo il trattamento antiretrovirale per la sua infezione da HIV, un gruppo di ricerca danese ha cercato di scoprire se i farmaci antiretrovirali potrebbe trattare o rallentare la progressione della sclerosi multipla.

I loro risultati suggerivano questo potrebbe essere una possibilità, ma i numeri erano troppo piccoli per raggiungere significatività statistica, spingendo i ricercatori attuali di effettuare uno studio comparativo molto più grande.

Lo hanno fatto, cercando in episodi di cure ospedaliere tra il 1999 e il 2011 in Inghilterra.

In tutto, più di 21.000 persone con infezione da HIV sono stati trattati nel corso di questo periodo, come sono stati quasi 5,3 milioni di persone trattate per condizioni o lesioni non gravi, che hanno agito come gruppo di controllo.

Lo sviluppo della SM è stato rintracciato in tutti i partecipanti per sette anni, con il numero effettivo di casi derivanti rispetto al numero previsto sono sorti nella popolazione.

Rispetto a coloro che non hanno l'HIV, quelli che hanno fatto erano il 62% in meno di probabilità di sviluppare la SM, sulla base di sette diagnosi reali di MS in quel periodo rispetto al 18 che sarebbe stato previsto.

Il grado di protezione conferita dal HIV apparentemente aumentato più il tempo intercorso tra una diagnosi di HIV e uno di MS, l'analisi ha indicato.

Dopo più di un anno tra le due diagnosi, pazienti HIV positivi sono stati il ​​75% in meno di probabilità di sviluppare la SM, sulla base di quattro diagnosi reali rispetto al 16 che sarebbe stato previsto.

E dopo più di cinque anni questa aumentato al 85%, basato su un caso reale rispetto al 6,5 che sarebbe stato previsto.

I risultati indietro quelle degli autori danesi, ma con la differenza fondamentale che le nuove scoperte sono statisticamente significativi, dicono i ricercatori.

Essi sottolineano che i loro risultati sono speculative piuttosto che definitivo, perché lo studio è osservazionale, aggiunto a cui non hanno alcuna informazione se i partecipanti HIV positivi avevano preso farmaci antiretrovirali, o per quanto tempo.

Ma scrivono: "Se studi successivi dimostrano vi è un effetto protettivo causale di HIV e/o al suo trattamento, e se la grandezza di esso rivela simili ... questo sarebbe il più grande effetto protettivo di qualsiasi fattore ancora osservato in relazione alla sviluppo della sclerosi multipla. "

HIV stessa può allontanare lo sviluppo di MS, o potrebbe essere che i farmaci antiretrovirali per smorzare giù la proliferazione del virus può anche avere lo stesso effetto su altri agenti virali implicati nello sviluppo di MS, suggeriscono.

In un editoriale di accompagnamento, Mia van der Kop, un epidemiologo presso la University of British Columbia di Vancouver, Canada, dice che i risultati si aggiungono al corpo di prove che punta a un legame tra HIV, o il suo trattamento, e MS.

"Tuttavia, il lavoro supplementare è necessario per andare oltre generazione ipotesi", ammonisce.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha