Influenza aiuta spread polmonite

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I batteri che causano la polmonite e la meningite sono solo in grado di diffondersi quando gli individui sono infettate con l'influenza, dice uno scienziato segnalazione alla società per la Conferenza di primavera del General Microbiology a Harrogate. Il lavoro potrebbe avere implicazioni per la gestione delle pandemie influenzali e potrebbe contribuire a ridurre l'incidenza delle infezioni da pneumococco nei bambini molto piccoli, che sono più suscettibili alle malattie.

Streptococcus pneumoniae normalmente vive mancato passaggio nasale. Fino al 80% dei bambini porta il batterio nel naso. E 'già noto che se un individuo colonizzato è infettato con il virus dell'influenza, il batterio è più probabile che si diffonda in altre parti del corpo e può causare infezioni potenzialmente mortali come la polmonite, la sepsi o meningite. I bambini, gli anziani e gli immunocompromessi sono più vulnerabili a queste infezioni batteriche secondarie. S. pneumoniae uccide più di un milione di bambini sotto i cinque anni ogni anno.

Dr Dimitri Diavatopoulos dalla Radboud University Nijmegen Medical Centre in Olanda spiega come l'infezione con il virus dell'influenza è necessario anche per la trasmissione di S. pneumoniae tra individui. Il suo lavoro ha dimostrato che in topi neonati, tutti i topi dovevano essere infettati con l'influenza per i batteri pneumococco per diffondere in modo efficiente tra di loro. Blocco infezione da influenza in questi topi efficacemente impedito la diffusione del batterio.




Infezione virale è tale da favorire la diffusione della polmonite attraverso una combinazione di fattori, suggerito Dr Diavatopoulos. "Pensiamo che il virus dell'influenza aumenta la carica batterica nel naso degli individui colonizzati, ma rende anche individui colonizzata più suscettibili alle infezioni da pneumococco alterando immunità dell'ospite."

Dr Diavatopoulos ritiene che le infezioni imparare come virale riguardano non solo lo sviluppo, ma anche la diffusione di agenti patogeni batterici sarà clinicamente utile. "Se sappiamo che il virus influenzale - e potenzialmente di altri virus respiratori - consente la trasmissione di S. pneumoniae, quindi gli obiettivi di tali virus può rappresentare una nuova strategia terapeutica per ridurre le malattie da pneumococco," ha detto. "Durante l'influenza pandemia di pianificazione, quando un'alta percentuale della popolazione è infettata con il virus, questo è importante. I risultati sono particolarmente rilevanti per i centri di assistenza all'infanzia, come fino al 80% dei bambini sono portatori asintomatici di S. polmonite e sono più vulnerabili a lo sviluppo di gravi infezioni come la polmonite o la meningite. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha