Ingrediente protezione solare può aumentare il rischio di cancro della pelle

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per quanto i vacanzieri si preparano a trascorrere del tempo all'aperto in estate, molti di loro in valigia un sacco di crema solare nella speranza che protegge i loro corpi da sovraesposizione, e, eventualmente, di cancro della pelle. Ma i ricercatori del Missouri University of Science and Technology stanno scoprendo che la protezione solare possono non essere così sicuro dopo tutto.

Studi di tossicità cellulare del Dr. Yinfa Ma, Docente curatori di chimica presso Missouri S & T, e il suo studente laureato Qingbo Yang, suggeriscono che, quando esposti alla luce solare, l'ossido di zinco, un ingrediente comune nelle creme solari, subisce una reazione chimica che può rilasciare instabile molecole note come radicali liberi. I radicali liberi cercano di legarsi con altre molecole, ma nel processo, che possono danneggiare le cellule o il DNA contenuto all'interno di tali cellule. Questo a sua volta potrebbe aumentare il rischio di cancro della pelle.

Ma anche scoperto che l'ossido di zinco è più esposta alla luce solare, maggiore è il potenziale danno alle cellule umane.




"L'ossido di zinco può generare radicali liberi se esposti ai raggi UV (ultravioletti) la luce del sole", maggio, dice, "e quelle radicali liberi in grado di uccidere le cellule."

Ma studiato cellule polmonari umane come immersi in una soluzione contenente nano-particelle di ossido di zinco reagire quando esposto a diversi tipi di luce su numerose cornici di tempo. Utilizzando un gruppo di controllo di cellule che non sono state immerse nella soluzione di ossido di zinco, Ma confrontato i risultati di esposizione alla luce sui vari gruppi di cellule. Ha trovato che le cellule ossido di zinco-esposti deteriorano più rapidamente rispetto a quelli non immersa nel composto chimico.

Anche quando esposto a luce visibile solo, le cellule polmonari sospese in ossido di zinco peggiorate. Ma per cellule esposte ai raggi ultravioletti, Ma rilevato che "la vitalità cellulare diminuisce drasticamente."

Quando esposti a luce ultravioletta a onda lunga (ultravioletta A o UVA) per 3 ore, la metà delle cellule polmonari nella soluzione di ossido di zinco morto. Dopo 12 ore, il 90 per cento delle cellule in tale soluzione morti, Ma trovato.

Perché ossido di zinco, un ingrediente utilizzato in creme solari per aiutare i raggi UV nocivi del blocco, le cellule causare a deteriorarsi quando esposti alla luce del sole? Secondo Ma, quando l'ossido di zinco nano-particelle nella soluzione assorbono i raggi UV, la reazione rilascia elettroni, che a loro volta possono produrre instabili molecole di radicali liberi nella soluzione di ossido di zinco. Queste molecole di radicali liberi poi legarsi con altre molecole e agire come parassiti, danneggiando le altre molecole nel processo.

Ma ei suoi colleghi Missouri S & T hanno pubblicato i loro risultati di ricerca iniziali nel numero di gennaio 2009 del Journal of Nanoparticle Research. Il documento, intitolato "Tossicità di nano e micro-imprese ZnO particelle nelle cellule epiteliali polmonari umane," è stato il primo studio completo mai pubblicato su questo argomento. L'autore principale Weisheng Lin era dottorato di Ma studente al momento. Altri autori della carta sono stati Chuan-Chin Huang, uno studente laureato in scienze biologiche, al momento, e due membri della S & T di scienze biologiche della facoltà, il dottor Katie Shannon (assistente) e Dr. Yue-Wern Huang (professore associato).

Ora, Ma si appresta a pubblicare i suoi ultimi risultati della ricerca sulla rivista Toxicology and Applied Pharmacology. Una data di pubblicazione non è stata determinata.

La ricerca di Ma sull'effetto di ossido di zinco sulle cellule è ancora nelle fasi iniziali, così ammonisce le persone di trarre conclusioni sulla sicurezza o pericoli di crema solare sulla base di questa ricerca preliminare.

"Più ampio studio è ancora necessaria", dice May. "Questo è solo il primo passo."

Ad esempio, Ma prevede di condurre elettroni test risonanza di spin per vedere se l'ossido di zinco veramente non genera radicali liberi, come sospetta. Inoltre, saranno necessari studi clinici prima di qualsiasi prova conclusiva può trarre dai suoi studi.

Nel frattempo, Ma consiglia bagnanti di utilizzare creme solari e per limitare la loro esposizione al sole.

"Ho ancora consiglio alle persone di indossare la protezione solare," dice. "La protezione solare è meglio di nessuna protezione a tutti."

Inoltre la protezione solare, l'ossido di zinco è usato in molti prodotti commerciali, tra cui plastica, vernici, unguenti e sigillanti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha