Insonnia pazienti spesso negato il trattamento di sonno quando hanno mentale Condizioni di salute

Aprile 20, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con insonnia che sono diagnosticati con disturbi di salute mentale che accompagna spesso non vengono prescritti farmaci che li aiuterà a dormire - che potrebbero poi rendere l'ansia correlata o depressione peggio, la nuova ricerca suggerisce.

Gli scienziati esaminando modelli di trattamento per insonni dicono che i loro risultati suggeriscono che molti medici sembrano essere riluttanti a prescrivere dormire aiuti, anche quelle che non presentano alcun rischio di dipendenza, se i pazienti hanno anche depressione, ansia o disturbi dell'umore. Un'eccezione è psichiatri, che sono risultati essere due volte più probabile che, come medici di base di prescrivere farmaci per l'insonnia.

"L'insonnia può causare ad avere l'ansia e la depressione, e la depressione e l'ansia può causare ad avere l'insonnia. E 'un tipo di pollo e uova di storia. Ma la ricerca ha dimostrato che se una delle condizioni è lasciata non trattata può esacerbare la altra condizione ", ha detto l'autore senior studio Rajesh Balkrishnan, il professore Merrell Dow di farmacia presso l'Ohio State University.




"Quello che questo richiede è specifiche linee guida relative al trattamento di insonnia che prende in considerazione questi diversi tipi di pazienti, perché l'insonnia è diventata un grosso problema di salute pubblica."

Si stima che circa il 20 per cento degli americani hanno problemi di sonno occasionali, con circa uno su 10 soffre di insonnia cronica.

Balkrishnan riconosce la preoccupazione che i medici potrebbero avere su prescrivere alcuni farmaci che possono causare dipendenza, soprattutto per i pazienti con disturbi di salute mentale. Vecchi aiuti di sonno, una classe di farmaci chiamati benzodiazepine, sono rilassanti muscolari con proprietà di dipendenza e alto potenziale di abuso. Tuttavia, a partire dai primi anni 1990, una nuova classe di farmaci per l'insonnia chiamato non benzodiazepine è stato sul mercato. Sono dormire aiuti efficaci che non portano il rischio di dipendenza, Balkrishnan detto, e per questo motivo, i pazienti devono avere facile accesso a questi farmaci.

"Questa ricerca mette in evidenza la necessità di tener conto del fatto che molti pazienti che vedono i loro medici con denunce di insonnia hanno una condizione psichiatrica. Ma la presenza di queste condizioni mentali non li dovrebbe precludere vengano opportunamente trattati per la loro insonnia", ha detto.

Balkrishnan e colleghi hanno raccolto dati dal National Ambulatory Medical Care Survey, che tiene traccia le visite mediche ambulatoriali annuali americani. I ricercatori hanno identificato 5.487 visite mediche da parte dei pazienti con insonnia tra il 1995 e il 2004, che è stata calcolata per rappresentare circa 161 milioni di pazienti statunitensi nel corso di tale periodo di 10 anni.

Secondo l'analisi, si stima che 6,5 milioni di americani che hanno visto un medico per l'insonnia inoltre sono stati diagnosticati con un disturbo di salute mentale. Delle visite esaminati, 38 percento dei pazienti con insonnia sono stati diagnosticati con almeno un altra condizione, e almeno quattro ogni 10 di tali condizioni accompagnamento legate alla salute mentale. La condizione supplementare più comune era l'ansia (15,6 per cento), seguiti da disturbi episodici dell'umore (14,9 per cento), l'ipertensione (10,1 per cento), la depressione (7 per cento) e il diabete (3,5 per cento).

Lo studio ha mostrato che i pazienti insonnia con disturbi di salute mentale sono stati il ​​36 per cento meno probabilità di ricevere farmaci per i loro problemi di sonno rispetto ai pazienti senza diagnosi di salute mentale. Quelli con ansia erano meno probabilità di ricevere un aiuto di sonno, con un 45 per cento diminuita probabilità di ricevere farmaci per l'insonnia, rispetto ai pazienti senza ansia.

Balkrishnan detto che con forme generiche di nonaddictive farmaco insonnia disponibili dalla prescrizione, anche i pazienti che assumono antidepressivi e farmaci anti-ansia può tranquillamente - e conveniente - aggiunge un aiuto di sonno al loro regime. Le forme più comuni di antidepressivi prescritti negli Stati Uniti sono una classe di farmaci chiamati inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI).

"I medici potrebbe percepire che la sonnolenza è indotta da farmaci come gli SSRI quindi ci potrebbe essere una paura generale su loro combinazione con i farmaci insonnia", ha detto Balkrishnan. "Ma penso che questi timori sono infondati perché in qualche modo abbiamo scoperto che gli psichiatri non hanno alcun problema di prescrizione di farmaci di sonno nei pazienti che presentano patologie mentali di accompagnamento, ma sanno che non c'è pericolo di interazione farmaco-a-droga".

Secondo l'analisi, i pazienti in visita psichiatri avevano probabilità due volte maggiore di ricevere farmaci per l'insonnia rispetto ai pazienti in visita pratica in famiglia o medici di medicina interna. Lo studio ha mostrato che il 33 per cento dei pazienti con insonnia vide pratica famiglia o medicina interna medici, il 30 per cento degli psichiatri visitato e il 9 per cento è andato a neurologi.

Lo studio ha identificato altri fattori associati con i farmaci insonnia modelli di prescrizione - per esempio, i pazienti più anziani e affermati erano più probabilità di ricevere farmaci insonnia rispetto ai pazienti più giovani o quelli di vedere il medico per la prima volta. Ma Balkrishnan detto un tema chiaro emerso dall'analisi.

"C'è un divario in chi ottiene il farmaco appropriato e che non è adeguatamente medicati," ha detto. "Non potrebbe accadere volontariamente, ma che punti a un divario di conoscenze tra i diversi tipi di medici e la necessità di sviluppare linee guida di trattamento ampiamente accettato. E le linee guida dovrebbe essere ratificato da tutti i medici curanti essenzialmente la condizione."

Questa ricerca è stata finanziata da una sovvenzione da Sanofi-Aventis, un produttore-aiuto di sonno con sede a Bridgewater, NJ Lo studio non discutere di alcun prodotto specifico dell'azienda sponsor. Balkrishnan è un consulente pagato per l'azienda.

Lo studio è pubblicato nel numero di gennaio del Journal of Medical Economics. Co-autori dello studio sono stati Manjiri Pawaskar College dell'Ohio State of Pharmacy, Vijay Joish di Sanofi-Aventis, Fabian Camacho di Wake Forest University School of Medicine, e Rafia Rasu della University of Missouri-Kansas City.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha