Intensa la sospensione del trattamento si dimostra efficace nei fumatori ad alto rischio

Maggio 31, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti ospedalizzati che si sottopongono a un trattamento strutturato per smettere di fumare sono significativamente più probabilità di rimanere senza fumo, dice un nuovo studio. Una nuova ricerca pubblicata nel numero di febbraio della TORACE, la rivista peer-reviewed della American College of Chest Physicians (ACCP), suggerisce che i fumatori ad alto rischio con malattie cardiovascolari acute sono tre o quattro volte più probabilità di smettere di fumare se trattati con un intenso programma di smettere di fumare.

"Il fumo è il fattore di rischio più grande per i pazienti con malattie cardiache", ha detto l'autore Syed M. Mohiuddin, MD, FCCP, Creighton University Cardiac Center, Omaha, NE, "e il nostro studio ha dimostrato che l'intervento trattamento intenso, non solo è riuscito a ottenere i pazienti a smettere di fumare, ma ha ridotto i ricoveri e la mortalità, così. "

Dal gennaio 2001 al dicembre del 2002, il dottor Mohiuddin e colleghi si sono riuniti 209 pazienti che sono stati ricoverati nel reparto di terapia coronarica presso la Creighton University Cardiac Center, che soffrono di angina instabile, infarto, o grave malattia coronarica. Tutti i pazienti erano fumatori indipendenti identificati e hanno accettato di sottoporsi a un intervento di fumare cessazione. I pazienti sono stati randomizzati in due gruppi: il gruppo intensivo intervento (109) e il gruppo di cura usuale (100).




Prima della dimissione ospedaliera, tutti i pazienti hanno ricevuto circa 30 minuti di consulenza e sono stati dati di auto-aiuto di materiali. Il trattamento nel gruppo di intervento comprendeva anche un minimo di 12 settimane di consulenza modificazione del comportamento, insieme con farmacoterapia individualizzata. Ciò ha incluso la terapia sostitutiva della nicotina e/o bupropione, senza alcun costo per il paziente. Tuttavia, i pazienti nel gruppo trattato tradizionalmente non hanno ricevuto nulla oltre la sessione iniziale di consulenza ospedaliera.

"La componente intensiva di terapia per la cessazione di tabacco è stato avviato mentre i pazienti sono stati ricoverati in ospedale, ma continuarono dopo il rilascio," ha detto il dottor Mohiuddin, "fare la parte ambulatoriale di questo programma l'elemento più significativo."

Tutti i partecipanti sono tornati a 3, 6, 12, e 24 mesi, durante i quali il follow-up storie mediche e livelli di monossido di carbonio scaduti sono stati ottenuti. I pazienti che hanno riferito di non aver fumato durante il periodo di valutazione precedente, e che sono stati confermati da un monossido di carbonio espirato negativo sono stati classificati come "astinente." Quei pazienti che sono stati confermati come non fumare per loro il monossido di carbonio espirato ad ogni visita sono stati classificati come "continuamente astinente."

Rispetto al solito gruppo di cura, i pazienti nel gruppo di trattamento intensivo hanno avuto una chiudere aliquote intervalli di follow-up a tempo. A due anni di follow-up, il 39 per cento del gruppo di trattamento intensivo era continuamente astinente, rispetto a solo il 9 per cento del solito gruppo di cura. Inoltre, il trattamento ha dimostrato di ridurre il rischio di ospedalizzazione di circa la metà. I ricercatori hanno anche scoperto che quelli del gruppo di controllo sono stati quattro volte più probabilità di morire rispetto ai pazienti nel gruppo di intervento.

"Cessazione del fumo risultati in un miglioramento quasi immediato del rischio di attacco di cuore", ha detto il dottor Mohiuddin, "e il nostro studio dimostra che il fumo trattamento per smettere di intenso in pazienti ad alto rischio è successo e che salva la vita."

"Fumare collega chiaramente pazienti con malattia cardiovascolare per risultati negativi", ha dichiarato Mark J. Rosen, MD, FCCP, Presidente dell 'American College of Chest Physicians. "Non è mai troppo tardi per smettere di fumare e di tutti i pazienti che fumano dovrebbero lavorare con i loro medici per trovare il metodo Quit che funziona meglio per loro."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha