Invecchiamento epatite C popolazione intensifica la domanda per il trapianto di fegato

Maggio 16, 2015 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca rivela che la maggiore domanda per il trapianto di fegato a causa dell'epatite C (HCV) -related malattie del fegato si verifica tra gli americani nati tra il 1941 e il 1960. I risultati nel numero di dicembre di trapianto di fegato, una rivista pubblicata da Wiley per conto della Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del Fegato (AASLD), suggeriscono che continuando aumento della domanda per il trapianto è guidata dallo sviluppo del cancro al fegato in baby boomer con HCV, ma che la domanda può diminuire in quanto i pazienti nati in questo periodo di tempo continua a invecchiare.

HCV è l'infezione ematica più comune e la causa della malattia epatica che ha richiesto il trapianto negli Stati Uniti, cronicamente infettando più di uno per cento degli americani. Studi precedenti dimostrano che tra i pazienti che vivono con HCV cronica, il 10% al 20% svilupperà cirrosi e fino al 5% passerà al cancro del fegato (carcinoma epatocellulare, HCC). Ulteriori prove implica HCV come fattore di rischio per lo sviluppo di HCC in fino al 47% dei casi di pazienti con HCC.

Il picco degli Stati Uniti HCV prevalenza del 4% si è verificato in coloro che sono nati nel 1940 al 1965, che erano 20 o 30 anni di età nel corso del 1979 al 1989, quando il rischio di infezione da HCV era al massimo. Come questa popolazione matura, Davis et al. progetto che tra il 2000 e il 2030 cirrosi nei pazienti con HCV aumenta di due volte, da 472.000 a 879.000.




"Le proiezioni di terribili complicazioni HCV hanno stimolato la nostra indagine delle tendenze specifiche età della domanda trapianto di fegato", ha detto l'autore Dr. Scott Biggins con la University of Colorado School of Medicine in Aurora, Colorado. Per questo studio, i ricercatori hanno identificato tutti adulti candidati al trapianto di fegato che sono stati registrati con il reperimento di organi e trapianto Network (OPTN) tra il 1995 e il 2010. I pazienti sono stati poi classificati con la diagnosi di HCV, con o senza HCC.

I risultati mostrano che ci sono stati 126.862 nuovi candidati per il primo trapianto di fegato registrato con OPTN, con il 41% di questi hanno HCV. I candidati sono stati classificati per anno di nascita e ha scoperto che la frequenza HCV più alto (in ordine decrescente) erano i nati nel 1951-1955, 1956-1960, 1946-1950, e 1941-1945. Questi quattro gruppi di nascita rappresentano l'81% di tutti i nuovi dichiaranti con trapianto di fegato HCV.

Inoltre, i risultati indicano che tra il 2000 e il 2010 c'è stato un aumento di quattro volte in nuovi candidati al trapianto con HCV e HCC nei 1941-1960 coorti di nascita. Gli autori di anticipare un aumento della percentuale di nuovi iscritti, 60 anni e più, con HCV avrà il cancro al fegato.

"Nel prossimo decennio l'invecchiamento delle persone infettate con HCV sfiderà la comunità trapianto di riconsiderare i piani di trattamento attuali dato il previsto aumento della domanda trapianto di fegato, in particolare da pazienti con HCV e cancro al fegato", conclude il dottor Biggins. "Con l'invecchiamento della popolazione di pazienti con HCV, molti di questi pazienti non possono essere abbastanza sano per il trapianto e il numero di trapianti di fegato in pazienti con HCV può diminuire."

Questo studio è stato finanziato in parte da sovvenzioni dal National Center for Research Resources, il National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali, e l'Agenzia per la Sanità e la ricerca di qualità.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha