Killer Peptide possono offrire nuova terapia contro l'influenza A virus

Maggio 1, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un nuovo studio i ricercatori hanno identificato quello che sembra essere il primo peptide anticorpo derivato che inibisce l'attività dei microbi nocivi come virus e HIV-1.

I virus dell'influenza A continuano a provocare ospedalizzazione e di morte, soprattutto tra i bambini, gli anziani e pazienti immunocompromessi worlwide. L'emergere di virus dell'influenza aviaria A e la sua capacità di trasferire agli esseri umani ha portato nuove preoccupazioni di una pandemia. Anche se la vaccinazione può essere una strategia efficace per prevenire l'influenza, i ricercatori stanno anche ponendo grande enfasi sulla scoperta e lo sviluppo di farmaci antivirali.

Un decapeptide killer (KP) rappresenta l'immagine interna di un lievito (Pichia anomala) tossina assassino che ha un effetto antimicrobico contro gli organismi patogeni. Nelle attività di studio di KP contro l'influenza A virus sono stati valutati e risultati hanno mostrato che KP ha dimostrato un significativo effetto inibitorio sulla replica di due ceppi di influenza A virus. Inoltre, i topi infettati con il virus dell'influenza A sono stati inoculati con KP una volta al giorno per dieci giorni, determinando un tasso di sopravvivenza migliore del 40% e significativamente diminuiti livelli virali nei loro polmoni.




"Nel complesso, KP sembra essere il primo peptide anticorpi derivati ​​anti-idiotipici che visualizza l'attività inibitoria e che ha un potenziale effetto terapeutico contro i microrganismi patogeni, HIV-1, e l'influenza virus da diversi meccanismi d'azione," dicono i ricercatori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha