L'allattamento al seno OK per madri che assumono farmaci immunosoppressori, studio suggerisce

Maggio 17, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne che prendono il tacrolimus immunosoppressore possono stare certi che l'allattamento al seno non elevare l'esposizione dei loro bambini 'al farmaco, secondo uno studio che appare in un prossimo numero del Clinical Journal of American Society of Nephrology (CJASN). I risultati sono una buona notizia per le giovani donne che hanno ricevuto un trapianto d'organo nel passato o che sta assumendo il farmaco per altri motivi.

Le donne che prendono il tacrolimus sono stati precedentemente non consigliato di allattare a causa della possibilità che il farmaco possa essere trasferito al bambino, che potrebbe potenzialmente sopprimere il sistema immunitario sviluppo del bambino. Mentre ci sono molti vantaggi per l'allattamento al seno, non vi è molto poco conosciuto per la sicurezza di allattamento durante l'assunzione di tacrolimus.

Kate Bramham, MRCP (King College di Londra) ei suoi colleghi hanno cercato di determinare la misura in cui tacrolimus viene trasferito ai neonati attraverso il latte materno. Sono stati valutati Quattordici donne che assumono tacrolimus durante la gravidanza e l'allattamento, e le loro 15 bambini (11 dei quali erano esclusivamente allattati al seno).




Tra i principali risultati:

• I bambini nati da madri che assumono tacrolimus avevano alti livelli di farmaco nel sangue al momento della nascita, probabilmente a causa del passaggio attraverso la placenta, ma i livelli sono scesi, come il fegato si schiarì la droga.

• Entrambi i bambini che erano allattati al seno e quelli che erano allattato artificialmente eliminato il farmaco alla stessa velocità. La maggior parte eliminato il farmaco di due settimane.

• Il latte materno delle madri che assumono tacrolimus conteneva solo livelli molto bassi del farmaco. (Se i bambini dovessero prendere la stessa quantità di tacrolimus per chilogrammo di peso corporeo, come le loro madri, avrebbero bisogno di consumare circa 150 litri di latte materno al giorno.)

"Il nostro studio mostra che i livelli del farmaco non sono significativamente aumentati attraverso l'allattamento al seno. Anche se sono necessari ulteriori studi sulla sicurezza di tacrolimus, i risultati suggerirebbero che le donne che desiderano allattare non dovrebbero essere scoraggiati dal farlo," ha detto il dottor Bramham. "I vantaggi, soprattutto nei neonati pretermine, devono essere pesati contro gli svantaggi teorici di ingestione minimale attraverso il latte materno", ha aggiunto. Da segnalare, le donne che hanno ricevuto un trapianto di rene, in passato hanno più probabilità di avere consegne anticipate.

Studio co-autori includono Gary Chusney, Janet Lee PhD, Liz Lightstone, PhD, FRCP, e Catherine Nelson-Piercy, FRCP, FRCOG.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha