L'aumento di peso tra il primo e il secondo gravidanze aumenta il rischio di diabete gestazionale della donna, secondo uno studio

Maggio 25, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Rispetto alle donne il cui peso è rimasto stabile, i guadagni di indice di massa corporea tra la prima e la seconda gravidanza sono stati associati ad un aumentato rischio di diabete mellito gestazionale nella seconda gravidanza. Ma la perdita di peso tra il primo e secondo gravidanza sembra ridurre il rischio di GDM in una seconda gravidanza, in particolare per le donne che erano in sovrappeso o obesi per cominciare, secondo un Kaiser Permanente Division of Research studio che appare online sulla rivista Obstetrics and Gynecology.

GDM è associata ad un aumentato rischio di esiti avversi perinatali e diabete successive nelle donne e la loro prole, dicono i ricercatori.

Lo studio ha esaminato una coorte diversificata di 22.351 donne di Kaiser Permanente in California del Nord per un periodo di 10 anni. Le donne che hanno guadagnato 2,0-2,9 unità di BMI (circa 12 a 17 libbre) tra la prima e la seconda gravidanza erano più di due volte più probabilità di sviluppare GDM nella seconda gravidanza rispetto a quelli il cui peso è rimasto stabile (più o meno 6 £ tra le gravidanze ). Le donne che hanno guadagnato 3,0 o più unità di BMI (circa 18 o più chili) tra la prima e la seconda gravidanza erano più di tre volte più probabilità di sviluppare GDM durante la seconda gravidanza rispetto a quelli il cui peso è rimasto stabile




Al contrario, le donne che hanno perso più di £ 6 tra la prima e la seconda gravidanza ridotto il loro rischio di sviluppare GDM nella seconda gravidanza di circa il 50 per cento rispetto alle donne il cui peso è rimasto stabile. L'associazione tra perdita di peso e riduzione del rischio di GDM era più forte nelle donne che erano in sovrappeso o obesi nella loro prima gravidanza, ha spiegato i ricercatori.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che un eccessivo peso dopo il parto di conservazione e di uno stile di vita sono stati associati con una donna di essere in sovrappeso anni dopo la gravidanza, il che aumenta il rischio di sviluppare il diabete mellito non insulino-dipendente, ha detto il piombo studio investigatore Samantha Ehrlich, MPH, un responsabile di progetto al Kaiser Permanente Divisione di Ricerca in Oakland, in California. L'aumento di peso prima della gravidanza e gestazionale aumento di peso simile hanno dimostrato di aumentare il rischio di GDM. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che una gravidanza complicata da GDM è associata a un alto rischio di recidiva GDM in una gravidanza successiva, ha spiegato Ehrlich, che è dottoranda in Epidemiologia presso l'Università della California a Berkeley.

Questo studio è il primo a esaminare se la perdita di peso prima di una seconda gravidanza riduce il rischio di GDM ricorrente.

Le donne che perdono BMI tra gravidanze sembrano avere un ridotto rischio di GDM nella loro seconda gravidanza, ma non c'era variazioni significative in base allo stato in sovrappeso o obesi materno nella prima gravidanza. La perdita di peso è stato associato con un minor rischio di GDM soprattutto tra le donne che erano in sovrappeso o obesi nella loro prima gravidanza, Ehrlich ha detto.

Ha spiegato che il sovrappeso o obesi prima della gravidanza è un fattore di rischio ben noto per GDM. Le donne di peso normale che vanno a sviluppare GDM sono suscettibili di essere più geneticamente sensibili alla malattia. Così, i cambiamenti dello stile di vita con conseguente perdita di peso non può essere efficace nel ridurre il rischio di GDM tra le donne di peso normale, ha aggiunto.

"I risultati suggeriscono inoltre che gli effetti di guadagni di massa corporea può essere maggiore tra le donne di peso normale nella loro prima gravidanza, che gli effetti di perdite di massa corporea sembra superiore tra le donne in sovrappeso o obesi", ha detto Ehrlich. "Nel loro insieme, i risultati supportano la prevenzione della ritenzione di peso gestazionale e l'aumento di peso dopo il parto per ridurre il rischio di GDM in una seconda gravidanza, così come la promozione del parto la perdita di peso nelle donne in sovrappeso o obesi, in particolare quelli con una storia di GDM . "

Nello studio, le unità di BMI sono stati calcolati per l'altezza media della popolazione in studio, che era di 5 piedi e 4 pollici, e una unità di BMI corrispondevano a circa 6 chili.

Co-autori dello studio includono Monique M. Hedderson, PhD; Jigger Feng, MS; Erica R. Davenport; Erica P Gunderson, PhD; e Assiamira Ferrara, MD, PhD, il tutto con il Kaiser Permanente Divisione di Ricerca in Oakland, in California. Lo studio è stato finanziato da una sovvenzione da parte del National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali e una borsa Comunità beneficiano Kaiser Permanente in California del Nord .

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha