L'esposizione a diossine Influenze Sistema riproduttivo maschile, studio del Vietnam Veterans conclude

Giugno 18, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una tossina diossina contenuta nel erbicida Agent Orange influisce sulla salute riproduttiva maschile, limitando la crescita della prostata e abbassando i livelli di testosterone, i ricercatori della UT Southwestern Medical Center hanno scoperto in uno studio di coorte di più di 2.000 veterani Air Force che ha servito durante il Vietnam War.

Lo studio, pubblicato nel numero di novembre della rivista Environmental Health Perspectives, indicano che l'esposizione alla TCDD, la diossina più tossico contenuto nei Agent Orange, può disturbare il sistema endocrino e riproduttivo maschile in diversi modi.

"Fino ad ora, non abbiamo avuto molto buona prova se diossine influiscono sul sistema riproduttivo umano", ha detto il Dr. Amit Gupta, un urologo presso UT Southwestern e autore principale dello studio. "Ora sappiamo che esiste un legame tra le diossine ei prostata umana ci portano a ipotizzare che le diossine possano essere in diminuzione la crescita della prostata nell'uomo come fanno gli animali."




I ricercatori hanno scoperto che i veterani esposti a diossina avevano tassi più bassi di incidenza di iperplasia prostatica benigna (BPH), meglio conosciuta come la malattia allargata prostatico. BPH è una malattia nell'uomo che è causata da un ingrossamento della prostata. I pazienti devono sforzarsi per urinare e anche devono urinare frequentemente. BPH può portare a complicazioni come l'incapacità di urinare e infezioni del tratto urinario. La chirurgia è a volte necessario.

Dr. Claus Roehrborn, professore e presidente di urologia presso UT Southwestern e autore di uno studio, ha detto: "Sappiamo che la diossina provoca molti disturbi endocrini nel corpo umano. Lo studio dimostra indirettamente che BPH è una malattia endocrina."

Per quanto riguarda il rischio diminuito per BPH trovato nei gruppi di veterani, il dottor Gupta ha ammonito che l'accertamento non deve essere interpretato come un risultato positivo.

"Può essere inteso che una diminuzione del rischio di BPH non è un effetto dannoso, ma l'immagine più grande è che le diossine che influenzano la normale crescita e lo sviluppo del sistema riproduttivo. Inoltre, diversi trattamenti efficaci sono disponibili per BPH e quindi riduzione di BPH da un composto tossico non è un effetto desiderabile. "

Lo studio è basato su dati Health Study Air Force (AFHS). Il AFHS è uno studio epidemiologico di più di 2000 Air Force veterani che erano responsabili per spruzzare erbicidi, tra cui Agent Orange durante la guerra del Vietnam. Questo gruppo si chiama il gruppo di Ranch Hand perché il programma di spruzzatura è stato chiamato Operazione Ranch Hand. Agent Orange è stato contaminato da un diossina chiamato 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina (TCDD).

Questo studio ha coinvolto anche un gruppo di confronto composto da veterani che hanno servito nel sud-est asiatico durante lo stesso periodo di tempo, 1962-1971, ma non sono stati coinvolti nel programma di irrorazione e quindi sono stati esposti a diossine a livelli equivalenti alla popolazione generale.

I veterani sono stati intervistati e sottoposti esami e delle prove di laboratorio fisico durante sei cicli di esame. Il primo ciclo è stato condotto nel 1982, così veterani sono stati seguiti per più di 20 anni.

"Abbiamo scoperto che il rischio di sviluppare BPH è diminuita con l'aumentare l'esposizione a diossine nel gruppo di confronto", ha detto il dottor Arnold Schecter, professore di scienze ambientali presso la Scuola UT di Campus sanità pubblica regionale a Dallas e autore di uno studio. "Il rischio di sviluppare BPH è stata del 24 per cento inferiore nel gruppo con i più alti livelli di diossina rispetto al gruppo con i livelli più bassi. Nel gruppo Ranch Hand, il rischio di BPH tendeva a diminuire con l'aumento dell'esposizione alla diossina, ma ad altissima livelli di esposizione c'era una tendenza per il rischio di aumentare ".

Inoltre, lo studio mostra che l'esposizione diossina superiore è associata a livelli di testosterone sono diminuiti, il dottor Gupta ha detto.

"E 'noto che i livelli di testosterone più bassi sono associati con una riduzione della funzione sessuale, riduzione della massa muscolare e la forza, infertilità, aumento della fatica, la depressione e la riduzione della densità ossea", ha detto il dottor Gupta. "Tuttavia, non siamo riusciti a concludere da questo studio che l'esposizione diossina ha fatto portare a uno di questi effetti negativi nei veterani nello studio."

Lo studio sottolinea la necessità di condurre studi ambientali supplementari dell'impatto delle diossine e di altre tossine del sistema riproduttivo maschile. Precedenti ricerche si è in gran parte basato su modelli animali, il dottor Gupta ha detto, notando che l'urgenza di ulteriori ricerche è sottolineata da un aumento nei disturbi del tratto riproduttivo maschile nel corso degli ultimi decenni.

Questi includono una diminuzione della produzione di sperma di quasi il 50 per cento, da tre a quattro volte maggiore di cancro testicolare, un aumento dell'incidenza di criptorchidismo (testicoli ritenuti, una condizione in cui i testicoli non sono nella loro posizione normale nello scroto) e ipospadia (anomalie dell'uretra).

La ragione di questo aumento non è nota, ma si ritiene che questi disturbi possono essere causati da sostanze chimiche ambientali che sono estrogenici e hanno effetti alterano il sistema endocrino, il dottor Gupta ha detto.

Le diossine sono tra le sostanze più tossiche conosciute e si pensa di essere in parte responsabili di questo aumento di disturbi del tratto riproduttivo maschile. Essi si formano come sottoprodotti di processi quali l'incenerimento, la fusione, la carta e la produzione della cellulosa e pesticidi e erbicidi produzione.

Gli esseri umani sono esposti a queste sostanze chimiche in primo luogo attraverso il consumo di grassi animali e di prodotti lattiero-caseari. I bambini sono esposti a più alti livelli di diossine attraverso il latte materno. Le diossine sono eliminati molto lentamente dal corpo e tendono a rimanere nel corpo per diversi anni per diversi decenni dopo l'esposizione.

Altri ricercatori che contribuiscono allo studio provenivano dal Centro UT Health Science a San Antonio e l'Air Force Research Laboratory, Brooks City-Base, Texas.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha