L'esposizione al sole e il sole-tipo di pelle sensibile diminuzione del rischio di cancro del pancreas

Giugno 7, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Alti livelli di radiazione ultravioletta in luogo di nascita, tipo di pelle sole-sensibili di un individuo e di una storia di cancro della pelle ogni diminuzione del rischio di cancro al pancreas, secondo lo studio i risultati presentati alla American Association for Cancer pancreatico di ricerca sul cancro: Progress conferenze e sfide, tenuto qui 18-21 giugno.

Rachel Neale, Ph.D., ricercatore principale presso Queensland Institute of Medical Research in Queensland, in Australia, ha presentato i risultati di uno studio caso-controllo basato sulla popolazione che aggiunge ai dati già in conflitto circa l'esposizione al sole, la vitamina D acquisita sole esposizione e il rischio di cancro.

"Diversi studi ecologici, tra cui uno condotto in Australia, hanno suggerito che le persone che vivono in aree con alta esposizione del sole hanno minor rischio per il cancro al pancreas", ha detto Neale. "Tuttavia, alcuni studi circolanti di vitamina D indicano che le persone con alto di vitamina D sono a maggior rischio, e uno studio di assunzione di vitamina D supporta questo aumento del rischio."




I risultati di questo studio supportano i dati ecologico attuale che indicano che l'esposizione al sole ha un effetto protettivo contro il cancro pancreatico.

Neale e colleghi hanno reclutato 714 persone nel Queensland, in Australia, tra il 2007 e il 2011. Essi sono stati abbinati per età e sesso di 709 partecipanti di controllo. Tutti i partecipanti sono stati intervistati su informazioni socio-demografiche e la storia medica. Inoltre, è stato chiesto circa la posizione della loro nascita, la storia di cancro della pelle e la pelle tipo, definito in base al colore della pelle, la capacità abbronzante e propensione alle scottature.

Utilizzo della NASA Total Ozone Mapping Spectrometer, i ricercatori hanno assegnato un livello di radiazione ultravioletta di ogni luogo di nascita e poi divisi in tre parti sulla base di quanta radiazione era presente.

I partecipanti nati in zone con i più alti livelli di radiazione ultravioletta avevano un rischio del 24 per cento più basso per il cancro del pancreas rispetto a quelli nati in aree di bassa radiazione ultravioletta.

Inoltre, anche se tutti i tipi di pelle avuto qualche associazione significativa con il rischio di cancro al pancreas, quelli classificati come aventi la più pelle sole-sensibili ha avuto un 49 per cento una diminuzione del rischio di cancro al pancreas rispetto a quelli classificati come aventi la pelle almeno sole-sensibili. Infine, i partecipanti con una storia di cancro della pelle o altre lesioni cutanee correlate al sole avevano un rischio del 40 per cento più basso per il carcinoma pancreatico rispetto a quelli che non avevano riportato lesioni cutanee.

"Vi è un crescente interesse per il ruolo di esposizione al sole, che è stato in gran parte attribuito al effetto della vitamina D, sulla incidenza del cancro e la mortalità", ha spiegato Neale. "E 'importante che noi comprendere i rischi ei benefici di esposizione al sole, perché ha implicazioni per i messaggi di salute pubblica circa l'esposizione al sole, e, eventualmente, su politiche in materia di integrazione di vitamina D o cibo fortificazione."

Andando avanti, Neale ha raccomandato che i ricercatori conducono grandi studi di coorte che misurano l'esposizione al sole completo, e il siero di vitamina D.

"Ci sono diverse prove di vitamina D che sono in corso o in programma, e dati pooling di questi potrebbero dare qualche indizio sulla vitamina D e cancro del pancreas", ha detto Neale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha