L'imaging molecolare in grado di migliorare l'efficacia della nuova terapia per la malattia cardiaca avanzata

Maggio 27, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'imaging molecolare può migliorare il tasso di successo di una nuova terapia per i pazienti con malattia cardiaca avanzata, secondo uno studio presentato presso la Società di 57a riunione annuale della Medicina Nucleare. I ricercatori hanno usato una forma ibrida di imaging molecolare per rivedere i pazienti che hanno subito la terapia di resincronizzazione cardiaca (CRT), che regola impulsi elettrici all'interno di diverse camere del cuore che non sono correttamente sincronizzati. L'imaging molecolare ha migliorato la capacità dei medici di identificare i fattori di rischio che potrebbero avere un impatto l'efficacia della terapia.

"La nostra visione era di trovare un modo per eseguire una singola, un'indagine non invasiva prima CRT dell'impianto", ha detto Christopher Uebleis, MD, investigatore principale dello studio e membro del dipartimento di medicina nucleare, Ludwig-Maximilians University di Monaco, la Germania. "Questa indagine utilizzato moderne immagini fuse tridimensionali con le informazioni anatomiche dalla tomografia computerizzata e le informazioni funzionali di tomografia a emissione di positroni. Combinata, questo imaging molecolare potrebbe contribuire a guidare il lavoro dei chirurghi cardiovascolari e garantire una risposta del paziente alla terapia."

Quando il muscolo cardiaco è indebolito, noto anche come cardiomiopatia, il corpo risponde naturalmente da "rimodellamento" o rimodellare tessuti cardiaci nel tentativo di migliorare il flusso sanguigno. Questa irregolarità di forma può causare gli impulsi elettrici tra camere del cuore a cadere fuori fase. CRT funziona impiegando un impulso-emettitore all'interno del ventricolo sinistro risincronizzare queste camere. CRT ha dimostrato di essere efficace nel 70 percento dei casi, ma l'altro 30 percento dei pazienti impiantati con il dispositivo non mostrano un miglioramento significativo. Per questo studio, i ricercatori hanno usato una tecnica di imaging ibrido che unisce sia a raggi X tomografia computerizzata (CT) e la tomografia ad emissione di positroni (PET) e identificato positivamente tre principali fattori che hanno determinato se la CRT era stata efficace e come valutare i futuri pazienti per la procedura .




I pazienti che sono stati sia reattivo e non rispondenti alle CRT dopo l'impianto sono stati scelti per questo studio, 14 in tutto, di cui 8 con cardiomiopatia ischemica (ostacolato il flusso di sangue e l'indebolimento del cuore). La metà dei soggetti aveva mostrato risposta alla terapia con segni di miglioramento clinico e rimodellamento inverso, e l'altra metà mostrato poco o nessun miglioramento dopo l'impianto. I pazienti sottoposti PET/CT, e ricercatori hanno utilizzato PET condurre un'analisi fase del movimento delle pareti del muscolo cardiaco, che ha determinato se il ventricolo sinistro era fuori fase e per valutare la quantità di tessuto cicatriziale all'interno del ventricolo sinistro del paziente. Posizionamento corretto per i cavi del dispositivo in relazione al tessuto cicatriziale è stato determinato anche dal 3D fusione di PET e CT. Il sito dove conduce dispositivi sono stati impiantati in relazione al tessuto cicatriziale è risultato essere il fattore più importante nel determinare la risposta alla CRT. Ora che i medici sono stati in grado di valutare pazienti dopo CRT, il passo successivo è quello di valutare i pazienti prima della terapia per selezionare quelli che trarrebbero beneficio da impiantazione e di effettuare una pianificazione trattamento al fine di ottimizzare la posizione piombo fili all'interno del ventricolo sinistro praticabile, miocardio unscarred. Uno studio clinico è prevista iniziare entro la fine dell'anno.

Secondo i dati del 2010 della American Heart Association, più di 81 milioni di americani - o più di uno su tre - hanno una qualche forma di malattia cardiovascolare. I principali fattori di rischio modificabili per le malattie cardiache includono elevati livelli di colesterolo nel sangue, ipertensione, diabete, fumo e sedentarietà.

Paper scientifico 48: C. Uebleis, R. Tegtmeyer, PA Bartenstein, M. Hacker, Medicina Nucleare, LMU Monaco, Monaco di Baviera, in Germania; M. Ulbrich, Medicina Interna, Ludwig-Maximilians University di Monaco, in Germania; H. Becker, Clinica di Radiologia, LMU Monaco, Monaco di Baviera, in Germania, "Identificazione di non-risposta alla terapia di resincronizzazione cardiaca in lungo periodo di follow-up da 18F FDG-PET/CT Imaging ibrido," 57 ° Meeting Annuale della SNM, Giugno 5- 9 2010, Salt Lake City, Utah.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha