L'impatto del fumo e geni artrite reumatoide

Giugno 8, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'artrite reumatoide (RA) è una delle malattie autoimmuni sistemiche più comuni, e uno dei meno compresi. Il fumo è il principale fattore di rischio conosciuto ambientale per RA, anche se poco si sa circa i meccanismi coinvolti. HLA-DR condiviso epitopi (SE) geni sono un fattore di rischio genetico ampiamente riconosciuto per RA, anche se poco si sa su come questi geni influenzano reazioni autoimmuni che portano alla infiammazione cronica e progressiva congiunta e danno d'organo.

Per capire meglio le interazioni tra il fumo e geni HLA-DR SE in RA, un team di ricercatori in Svezia focalizzata sul marchio distintivo autoimmune della malattia: citrullina, un acido non normalmente presente in proteine ​​amino. Mentre estremamente raro in individui sani e relativamente rare in altre condizioni infiammatorie, proteine ​​citrullina modificati sono comuni in circa due terzi dei pazienti con artrite reumatoide e possono essere un fattore fondamentale nello sviluppo della malattia. Per verificare se i geni fumatori e SE innescano reazioni immunitarie alle proteine ​​citrullinate, il team ha condotto uno studio caso-controllo ha coinvolto pazienti con recente insorgenza RA. I risultati, presentati nel numero di gennaio 2006 del Arthritis & Rheumatism (http://www.interscience.wiley.com/journal/arthritis), suggeriscono che i fumatori con geni SE sono più suscettibili di anticitrulline RA anticorpi-positivi.

930 pazienti con AR precoce dello studio, tratti dalla epidemiologico Indagine di artrite reumatoide Gruppo di Studio, avevano un'età compresa 18-70 anni. 383 controlli sani, tratti dalla banca del sangue della Svezia settentrionale, sono stati abbinati per età, sesso, e l'area residenziale. Tutti i partecipanti hanno compilato i questionari sulla loro attuali abitudini di fumo e passato, così come i profili di genotipizzazione. Inoltre, il liquido bronchiale è stato ottenuto da un campione rappresentativo di pazienti affetti da AR, inclusi sia i forti fumatori correnti e non fumatori per tutta la vita, e testato con immunostaining per la presenza di proteine ​​nelle cellule citrullinato.




Sulla base della loro serie di esperimenti e confronti, i ricercatori hanno scoperto che una storia di fumo aumenta il rischio per l'artrite reumatoide, ma solo per le persone con test positivo per gli anticorpi anticitrulline, indipendentemente dalla presenza di geni SE. Allo stesso modo, ereditando i geni HLA-DR SE in un solo esemplare, così come in doppia copia, aumenta il rischio per l'artrite reumatoide, ma solo per le persone con test positivo per gli anticorpi anticitrulline, comprese le persone che non hanno mai fumato. Tuttavia, per le persone con test positivo per gli anticorpi anticitrulline, l'interazione di fumare e portare 2 copie del gene SE aumenta notevolmente il rischio di sviluppare RA - per 21 volte.

"Il notevole interazione gene-ambiente osservato nello studio caso-controllo, insieme alla immunocolorazione per le proteine ​​citrullinate, potrebbe ora fornire un indizio per i meccanismi molecolari di importanza per lo sviluppo della malattia in un sottogruppo di pazienti affetti da AR", osserva squadra portavoce Dr. Lars Klareskog di Karolinska Institutet, Stoccolma. "Possiamo quindi essere dato alcune nuove opportunità sia per prevedere e capire l'insorgenza di RA e di interferire con eventi RA inducono prima che i sintomi clinici sono evidenti."

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha