L'uso a lungo termine di alcuni farmaci di alta pressione sanguigna associata ad un aumentato rischio di cancro al seno nelle donne in postmenopausa

Aprile 20, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne anziane che assumono determinati tipi di farmaci per combattere la pressione alta possano esporsi ad un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno, secondo un nuovo studio condotto da un team di scienziati del Fred Hutchinson Cancer Research Center guidati da Christopher Li, MD, Ph.D . Lo studio è il primo ad osservare che l'uso a lungo termine di una classe di farmaci antiipertensivi noti come bloccanti dei canali del calcio in particolare, sono associati al rischio di cancro al seno.

Le scoperte del team saranno pubblicati on-line 5 agosto in JAMA Internal Medicine.

Farmaci antipertensivi sono il tipo più frequentemente prescritti dei farmaci negli Stati Uniti, con più di 678 milioni prescrizioni riempito nel 2010, quasi 98 milioni dei quali per il calcio-antagonisti.




Nonostante l'uso diffuso e spesso a lungo termine di questi farmaci, studi e antipertensivi collegano prove di cancro al seno sono stati scarsi e incoerente.

"Perché l'ipertensione è una condizione cronica, la maggior parte delle persone con pressione sanguigna alta utilizzano farmaci antipertensivi cronici e spesso rimanere sullo stesso regime per lunghi periodi di tempo", ha detto Li. "Caratterizzare loro potenziali associazioni con il tumore più comune nelle donne è un importante problema di salute pubblica e clinica, in particolare con la crescente disponibilità di opzioni alternative per il trattamento dell'ipertensione,", ha detto Li, responsabile del programma di ricerca traslazionale e membro delle Scienze di Sanità Pubblica Divisione a Fred Hutch.

Oltre al calcio-antagonisti, le altre classi di farmaci antipertensivi includono enzima di conversione-enzima (ACE), bloccanti del recettore dell'angiotensina, beta-bloccanti e diuretici. Combinazioni di tali farmaci sono prescritti. "Ogni farmaco ha diversi vantaggi potenziali e gli effetti collaterali", ha detto Li. "La scelta di quali Regimen un paziente è dato dipende dalla loro tolleranza del farmaco, altre condizioni, e se il loro ipertensione può essere gestito da un singolo farmaco o richiede una combinazione di farmaci."

Lo scopo dello studio è stato quello di Hutch valutare la relazione tra le principali classi di farmaci antipertensivi e rischio di due tipi istologici più comuni di tumori al seno negli Stati Uniti: carcinoma duttale invasivo, che rappresentano circa il 70 per cento di tutti i tumori al seno; e carcinoma lobulare invasivo, che rappresentano circa il 20 per cento.

Chiave di ricerca dello studio era che le donne attualmente in calcio-antagonisti che li hanno utilizzati per 10 anni o più ha avuto tempi di circa due e mezzo più elevato rischio sia di duttale invasivo e tumori lobulare invasivo rispetto a chi non ha mai usato tale canali del calcio bloccanti e rispetto per gli utenti di altre forme di antipertensivi. Al contrario, lo studio ha rilevato che l'uso di altre classi di farmaci antipertensivi, inclusi diuretici, beta-bloccanti e bloccanti del recettore dell'angiotensina, non sono stati associati ad un aumentato rischio di cancro al seno, anche se usato a lungo termine.

La squadra di Li ha intervistato 1.763 partecipanti allo studio, tutti tra le età di 55-74 della regione di Puget Sound, tra cui 880 con carcinoma duttale invasivo, 1.027 con carcinoma lobulare invasivo, e 856 controlli senza cancro. I partecipanti sono stati intervistati di persona per stabilire storie dettagliate di ipertensione e malattie cardiache, così come fattori di rischio per il cancro, tra cui la storia familiare, l'obesità, il fumo e l'uso di alcol. Attraverso una serie di domande strutturate, i ricercatori hanno anche raccolto dati dettagliati riguardo all'uso di farmaci antipertensivi, tra cui date di inizio e di fine d'uso, nomi di farmaci, dose, via di somministrazione, modalità di uso e di indicazione.

Mentre calcio-antagonisti, in particolare, sembrano avere una implicazione di un aumentato rischio di cancro in caso di uso a lungo termine, i farmaci hanno un ampio spettro di effetti fisiologici, e saranno necessari ulteriori ricerche per comprendere i meccanismi biologici sottostanti potenzialmente responsabili della rischio aggiunto. Funzione Calcio antagonisti regolando l'afflusso di calcio nelle cellule muscolari, diminuendo la resistenza arteriosa e muscolo cardiaco richiesta di ossigeno. Alcuni ipotizzano che questi farmaci possono aumentare il rischio di cancro perché inibiscono la morte cellulare programmata, o apoptosi, ma prove è carente.

Il National Cancer Institute ha finanziato lo studio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha