L'uso combinato di terapie con insufficienza cardiaca raccomandati aumenta significativamente le probabilità di sopravvivenza, studio suggerisce

Maggio 16, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio UCLA guidata ha trovato che una combinazione di diverse terapie raccomandati dalle linee guida fondamentali per il trattamento dell'insufficienza cardiaca ha comportato un miglioramento fino al 90 per cento nelle probabilità di sopravvivenza in due anni.

La ricerca è pubblicata 21 febbraio sulla rivista online della American Heart Association.

L'insufficienza cardiaca, una malattia cronica progressiva, colpisce milioni di individui e dei risultati della morbilità, l'impiego di notevoli risorse sanitarie, e dei costi notevoli.




Mentre alcune terapie sono raccomandati per pazienti con insufficienza cardiaca nelle linee guida nazionali della American College of Cardiology e l'American Heart Association, questo studio è il primo a esaminare il contributo incrementale specifico di ciascuna di queste terapie a migliorare la sopravvivenza quando combinati insieme progressivamente in un mondo reale pratica clinica, i ricercatori hanno detto.

"Abbiamo trovato miglioramento incrementale e cumulativo le probabilità di sopravvivenza a due anni, come ognuna di queste terapie raccomandati dalle linee guida è stato attuato con i pazienti", ha detto il primo autore dello studio, il dottor Gregg Fonarow, della UCLA Eliot Corday Professore di Medicina Cardiovascolare e Scienza e direttore del Ahmanson-UCLA Cardiomiopatia Center presso la David Geffen School of Medicine della UCLA.

Fonarow ha osservato che i risultati forniscono anche ulteriore razionale per l'impiego di sistemi di miglioramento delle prestazioni, e programmi di gestione della malattia per assicurare l'attuazione delle terapie consigliate in pazienti con insufficienza cardiaca ammissibili.

Per lo studio, i ricercatori utilizzato il Registro di sistema per migliorare l'uso di terapie per l'insufficienza cardiaca Evidence-Based in ambito ambulatoriale (MIGLIORARE HF), un database di pazienti a 167 ambulatori di cardiologia-practice in tutto il paese.

Il team ha esaminato i dati del grafico medici di 1.376 pazienti che sono morti a 24 mesi, a fronte di 2.752 controlli che sono sopravvissuti a 24 mesi. Ricercatori pazienti specificamente mirati che avevano indebolimento funzione venticle sinistro del cuore, un sintomo di insufficienza cardiaca cronica, che si verifica quando il quando il entricle può più pompare abbastanza sangue per gli altri organi del corpo.

I sette terapie raccomandati dalle linee guida fondamentali valutati sono stati:

  • Tre tipi di farmaci cardiaci insufficienza: beta bloccanti, gli antagonisti dell'aldosterone, e gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina o antagonisti del recettore dell'angiotensina.
  • La terapia di resincronizzazione cardiaca, che aiuta a coordinare le contrazioni del cuore.
  • La terapia anti-coagulante per la fibrillazione atriale, per prevenire la formazione di coaguli in pazienti con un battito cardiaco irregolare.
  • Impiantabili cardioverter defibrillatore dispositivi, per fornire scariche elettriche in presenza di disturbi del ritmo cardiaco potenzialmente fatali.
  • Cuore-fallimento educazione del paziente.

I ricercatori hanno scoperto che, come è stato aggiunto ciascuna terapia, il tasso di sopravvivenza complessiva aumentata gradualmente - a partire con un 39 per cento miglioramento probabilità di sopravvivenza a due anni in cui sono stati prescritti solo beta-bloccanti, e fino al 81 per cento al 90 per cento quando sono stati aggiunti diversi altri terapie - rispetto a nessun trattamento a tutti.

Tuttavia, il team ha scoperto che il beneficio di sopravvivenza sembrava plateau una volta in sequenza paziente ha ricevuto 4-5 terapie, dimostrando una riduzione dell'83 per cento delle probabilità di mortalità di 24 mesi.

"Insieme, i 24 mesi cumulativi benefici di sopravvivenza di queste terapie sono impressionanti", ha detto Fonarow, co-direttore di cardiologia clinica presso la Divisione di Cardiologia UCLA. "Di alta qualità, ricerca i risultati centrati sul paziente è una priorità nazionale e può informare meglio il processo decisionale clinico. Questo studio fornisce i pazienti, i medici, gli acquirenti e politici con prove convincenti dei miglioramenti incrementali a risultati clinici per i pazienti con insufficienza cardiaca che possono essere realizzato con le terapie raccomandati dalle linee guida. "

Ogni terapia individuale, con una sola eccezione, è stato anche associato a un beneficio di sopravvivenza. I beta-bloccanti e la terapia di resincronizzazione cardiaca impartite maggiori vantaggi individuali, fornendo probabilità abbassati di mortalità del 42 per cento e 44 per cento rispettivamente.

Fonarow anche osservato che essere in grado di valutare in modo indipendente queste terapie insufficienza cardiaca può fornire una base per la scelta tra i trattamenti quando una scelta deve essere fatta a livello clinico, sulla base di problemi di costo, di tolleranza o di aderenza. Quello terapia che non è stato associato ad una migliore prestazione di mortalità è stato l'uso di antagonisti dell'aldosterone. Fonarow ha detto che mentre più studi clinici randomizzati hanno dimostrato i benefici della terapia con un antagonista dell'aldosterone nei pazienti con insufficienza cardiaca, più di studio in ambiente ambulatoriale deve essere fatto per valutare l'efficacia clinica del mondo reale di questi agenti.

Medtronic Inc., un produttore di terapia di resincronizzazione cardiaca e dispositivi defibrillatore impiantabile, ha fornito supporto finanziario e materiale per il registro HF migliorare. La società aveva alcun ruolo o ingresso nella selezione dei punti finali o misure di qualità usato nello studio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha