L'uso di calcio-antagonista, antibiotico associato con piccolo aumento del rischio di danno renale

Marzo 24, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tra gli adulti più anziani che prendono un calcio-antagonista, uso simultaneo di claritromicina antibiotico, in confronto con azitromicina, è stato associato ad un piccolo ma statisticamente significativo rischio maggiore di 30 giorni di ricovero, con danno renale acuto, secondo uno studio pubblicato da JAMA. Lo studio è stato pubblicato on-line presto in coincidenza con la sua presentazione presso l'American Society of Nephrology di Kidney Week 2013.

La antibiotici claritromicina e eritromicina comunemente usati sono clinicamente importanti inibitori del CYP3A4, mentre azitromicina è molto meno. Calcio antagonisti sono metabolizzati da questo enzima. Concentrazioni ematiche di questi farmaci possono aumentare a livelli nocivi quando l'attività del CYP3A4 è inibita. "Attualmente, la US Food and Drug Administration avverte che 'gravi reazioni avverse sono state riportate in pazienti che assumono claritromicina concomitanza con substrati del CYP3A4, che comprende ipotensione [anormalmente bassa pressione sanguigna] con calcio-antagonisti [che sono] metabolizzate dal CYP3A4.' Eppure, calcio-antagonisti e claritromicina continuano ad essere frequentemente coprescribed nelle cure di routine, "in base alle informazioni in questo articolo. Quando si verifica ipotensione, il rene è particolarmente incline al pregiudizio da cattiva circolazione. "Nonostante questa conoscenza, il rischio di danno renale acuto dopo coprescription di claritromicina con un calcio-antagonista è sconosciuto."

Sonja Gandhi, B.Sc., di Western University, London, Canada, e colleghi hanno condotto uno studio per indagare l'interazione tra calcio-antagonisti (amlodipina, felodipina, nifedipina, diltiazem o verapamil) e la claritromicina antibiotici (n = 96.226 ), a fronte di azitromicina (n = 94.083), con un focus sulla lesione acuta del rene, tra gli adulti più anziani (età media, 76 anni).




Amlodipina è stato il calcio-antagonista più comunemente prescritti (oltre il 50 per cento dei pazienti).

I ricercatori hanno scoperto che prescrivono contemporaneamente claritromicina con un calcio-antagonista è stato associato ad un più alto rischio di ospedalizzazione con danno renale acuto rispetto al prescrivono contemporaneamente azitromicina (0,44 per cento contro 0,22 per cento); in termini assoluti, coprescription con claritromicina portato ad un 0,22 per cento più alta incidenza di ospedalizzazione con danno renale acuto.

Quando esaminato dal tipo di calcio-antagonista, il rischio di ospedalizzazione con danno renale acuto è risultata più alta tra i pazienti coprescribed claritromicina con nifedipina (aumento del rischio assoluto, 0,63 per cento). Coprescription di un calcio-antagonista con claritromicina è stato anche associato ad un più alto rischio di ospedalizzazione con ipotensione (0,12 per cento contro 0,07 per cento dei pazienti di prendere azitromicina; aumento del rischio assoluto, 0,04 per cento) e per tutte le cause di mortalità (1,02 per cento contro 0,59 per cento i pazienti che assumono azitromicina; aumento del rischio assoluto, 0,43 per cento).

"Anche se gli aumenti assoluti dei rischi erano piccoli, questi risultati hanno importanti implicazioni cliniche. I nostri risultati suggeriscono che potenzialmente centinaia di ricoveri e decessi nella nostra regione potrebbero essere stati associati a questa interazione in gran parte prevenibili farmaco-farmaco. Questo onere sulla sanità sistema, dati i costi elevati di gestione danno renale acuto, avrebbe potuto essere evitato, "scrivono gli autori. "Il nostro studio mette in evidenza la necessità di iniziative di miglioramento della qualità che mitigare gli effetti clinici di tali interazioni farmacologiche. Potenziali strategie possono includere la cessazione temporanea del calcio-antagonista per tutta la durata della terapia claritromicina o la selezione di un non-CYP3A4 inibizione antibiotici (come ad come azitromicina) quando clinicamente appropriato. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha