La carenza di ferro può aumentare il rischio di ictus attraverso il sangue appiccicoso

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ogni anno, 15 milioni di persone nel mondo soffrono di un ictus. Quasi sei milioni muoiono e altri cinque milioni sono rimasti permanentemente disabilitato. Il tipo più comune, ictus ischemico, si verifica perché l'afflusso di sangue al cervello è interrotta da piccoli grumi.

Negli ultimi anni, diversi studi hanno dimostrato che la carenza di ferro, che colpisce circa due miliardi di persone in tutto il mondo, può essere un fattore di rischio per l'ictus ischemico negli adulti e nei bambini. Come la carenza di ferro può aumentare il rischio di ictus è stato un enigma per i ricercatori.




Il team ha scoperto che Imperial carenza di ferro aumenta la viscosità delle piccole cellule del sangue chiamate piastrine, che avviano la coagulazione del sangue, quando si attaccano insieme. Anche se un legame tra carenza di ferro e piastrine appiccicose è stato scoperto prima quasi 40 anni fa, il suo ruolo è stato trascurato fino ad ora.

I ricercatori hanno studiato un gruppo di pazienti con una malattia rara chiamata ereditaria emorragica telangiectasia (HHT), che spesso porta a vasi sanguigni dilatati nei polmoni, simili a vene varicose. Normalmente, i vasi sanguigni dei polmoni agiscono come un filtro per rimuovere piccoli coaguli di sangue, prima va in arterie. Nei pazienti con vasi polmonari anomali, il sangue è in grado di bypassare il filtro, così piccoli coaguli di sangue possono viaggiare al cervello.

I pazienti dello studio che erano a corto di ferro avevano una maggiore probabilità di avere un ictus. Inoltre, i ricercatori hanno esaminato le piastrine in laboratorio e hanno scoperto che quando hanno trattato questi con una sostanza che provoca la coagulazione, piastrine da parte di persone con bassi livelli di ferro ragruppato insieme in modo più rapido.

Dr Claire Shovlin, dal Cuore e Polmone National Institute presso l'Imperial College di Londra, ha dichiarato: "Dal momento che le piastrine nel sangue bastone insieme di più se siete a corto di ferro, pensiamo che questo può spiegare perché essendo a corto di ferro può portare a ictus, anche se molto più ricerche saranno necessarie per dimostrare questo link.

"Il passo successivo è quello di verificare se siamo in grado di ridurre le probabilità di avere un ictus, trattando la loro carenza di ferro dei pazienti ad alto rischio. Saremo in grado di guardare se le piastrine diventano meno appiccicosa. Ci sono molti passi ulteriori da un blocco coagulo un vaso sanguigno per il colpo di sviluppo finale, quindi non è ancora chiaro quanto sia importante piastrine appiccicose sono al processo globale. Avremmo certamente incoraggiare ulteriori studi per indagare questo link. "

I ricercatori hanno studiato i dati su 497 pazienti con vasi sanguigni anomali nei polmoni, noto come malformazioni arterovenose polmonari, che sono stati trattati in un HHT clinica specialistica a Hammersmith Hospital. Lo studio ha trovato che i livelli di ferro anche moderatamente basse, circa 6 micromoli per litro, circa raddoppiato il rischio di ictus rispetto ai livelli della metà del normale range di 7-27 micromoli per litro.

Oltre a questo gruppo di pazienti, molte altre persone hanno condizioni che possono permettere coaguli di sangue di bypassare il filtro nei polmoni. Una persona su quattro ha un buco nel cuore chiamato forame ovale pervio. Fori nel cuore consentono anche il sangue di aggirare il filtro polmone di volta in volta, anche se non più spesso per i pazienti polmonari.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha