La diagnosi precoce possibile BPCO con la medicina nucleare

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In vivo ventilazione/perfusione (V/Q) di imaging in grado di rilevare i primi cambiamenti al polmone causato da esposizione al fumo di sigaretta e fornisce un metodo non invasivo per studiare la disfunzione polmonare in modelli preclinici, secondo la ricerca pubblicata sul numero di aprile del Journal of Nuclear Medicine . Queste misure hanno il potenziale per essere applicata clinicamente per studiare e diagnosticare le prime fasi della malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO).

La BPCO è una lenta progressione, debilitante malattia polmonare che è comunemente causata dal fumo di sigaretta. Definire le caratteristiche della BPCO comprendono infiammazione cronica, aumento della produzione di muco, la fibrosi piccole vie aeree e l'allargamento dello spazio aereo. Molte persone con BPCO, tuttavia, non vengono diagnosticati fino alla loro malattia ha raggiunto uno stadio più sintomatico e si è verificato un danno irreversibile.

"Sono necessari migliori strumenti diagnostici per rilevare i primi cambiamenti di fumatori per evitare ulteriori disfunzioni polmonari e fornire ai pazienti con regimi di trattamento individualizzato", ha dichiarato Renee N. Labiris, PhD, uno degli autori dello studio "Rilevazione della Lung erettile Utilizzando Ventilazione e perfusione gli autori SPECT in un modello murino di cronica fumo di sigaretta esposizione. "Il nostro studio preclinico suggerisce che non solo possono V/Q di imaging rilevare precoce e piccoli cambiamenti nella patologia polmonare, il tipo di V/Q mismatching potrebbe fornire una conoscenza delle patologie sottostanti, che le attuali misure di funzionalità polmonare sono in grado di fare."




Nello studio, i gruppi di topi sono stati esposti al fumo di sigaretta per 50 minuti due volte al giorno, per cinque giorni alla settimana, per otto o 24 settimane. Gruppi di controllo di pari età di topi sono stati inclusi anche in studio per il confronto. Dopo l'esposizione definitivo fumo di sigaretta, è stata eseguita V/Q emissione di singolo fotone tomografia computerizzata (SPECT), seguita da una tomografia computerizzata (CT) scansione. Sezioni istologiche polmonari sono stati poi raccolti e un semiautomatico analisi quantitativa dell'allargamento dello spazio aereo è stata applicata a intere fette istologici.

Dopo l'analisi, danno funzionale è stata osservata nei polmoni a causa di una maggiore infiammazione e l'allargamento dello spazio aereo. Questa alterazione funzionale, misurata con SPECT V/Q per immagini, caratteristiche BPCO identificati prima CT era in grado di rilevare i cambiamenti strutturali nei polmoni. Inoltre V/Q mismatching progressivamente aumentata durante l'esposizione al fumo di sigaretta in micecompared di topi di controllo di pari età e offerto comprensione della patologia di fondo che causa la BPCO.

"V/Q di imaging è una tecnica comune di medicina nucleare, e sistemi SPECT/CT sono sempre più utilizzati nella pratica clinica", ha osservato Labiris. "In quanto tale, la tecnologia in esame in questo studio può essere effettuato in entrambe le impostazioni preclinici e clinici, consentendo ai ricercatori di tradurre indagini preclinici della malattia, anomalie funzionali associate e futuri bersagli farmacologici in una comprensione migliore e la gestione della malattia nei pazienti."

Gli autori dell'articolo "Rilevazione della Lung erettile Utilizzando Ventilazione e perfusione SPECT in un modello murino di Chronic Cigarette Smoke Exposure" includono Brian N. Jobse, Dipartimenti di Medicina e Patologia e Medicina Molecolare, McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada, e Firestone Istituto per la salute sul respiratoria Healthcare di San Giuseppe, Hamilton, Ontario, Canada; Rod G. Rhem e Iris Q. Wang, Dipartimento di Medicina, Divisione di Respirology, McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada; William B. Contatore e N. Renйe Labiris, Dipartimento di Medicina, Divisione di Respirology, McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada e Firestone Institute for Respiratory salute sul Healthcare di San Giuseppe, Hamilton, Ontario, Canada; e Martin R. Stдmpfli, Dipartimento di Patologia e Medicina Molecolare, McMaster Centro Ricerche Immunologia, McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada, e Firestone Istituto per la salute sul respiratoria Healthcare di San Giuseppe, Hamilton, Ontario, Canada.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha