La medicina personalizzata: verso il trattamento personalizzato del tumore al seno

Aprile 12, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il cancro al seno può svilupparsi in modo molto diverso in diverse donne. I ricercatori in Norvegia stanno migliorando la diagnostica del cancro al seno e di trattamento individuando i vari tipi di tumore. L'obiettivo è quello di scoprire il più possibile sui vari tipi di tumore in modo che ciascun paziente può ricevere precisamente il giusto trattamento al momento giusto. Le donne rispondono in modo diverso ai trattamenti disponibili. A Oslo University Hospital e dell'Università norvegese di Scienza e Tecnologia (NTNU) di Trondheim, i ricercatori stanno catturando le complessità dei tumori al seno. I loro progetti ricevono finanziamenti nell'ambito del Programma Nazionale del Research Council per la ricerca in Genomica Funzionale in Norvegia (FUGE).

Il cancro al seno è il tipo più comune di cancro nelle donne. Questa malattia estremamente complessa sta attaccando sempre più donne, e sia il modo in cui si sviluppa e il suo esito può variare notevolmente da caso a caso.

Le donne rispondono anche diverso ai trattamenti disponibili. A Oslo University Hospital e dell'Università norvegese di Scienza e Tecnologia (NTNU) di Trondheim, i ricercatori stanno catturando le complessità dei tumori al seno. I loro progetti ricevono finanziamenti nell'ambito del Programma Nazionale del Research Council per la ricerca in Genomica Funzionale in Norvegia (FUGE).




Tumori diversi, stesso trattamento

"Per i pazienti affetti da cancro al seno, al momento abbiamo solo un paio di principi di trattamento diverse tra cui scegliere," spiega il professor Gunhild M. Mжlandsmo. "Questo significa che molti pazienti ricevono lo stesso trattamento anche se i loro tumori possono essere molto diverse. Il nostro obiettivo è quello di scoprire il più possibile sui vari tipi di tumore in modo che ogni paziente può ricevere con precisione il trattamento giusto al momento giusto. Ci sono ancora molte persone che muoiono di cancro al seno - che dimostra chiaramente che non siamo ancora in grado di trattare tutti in modo efficace ".

"Uno dei nostri obiettivi è quello di capire come identificare i pazienti con prognosi più gravi", spiega il professor Ingrid Gribbestad. "Possiamo dire, per esempio, dalla struttura molecolare dei tumori? Se è così, allora nuovi farmaci che sono particolarmente efficaci contro alcune strutture possono essere sviluppate."

Professor Gribbestad a capo di un progetto di ricerca sul cancro al seno a Trondheim, mentre il professor Mжlandsmo e Therese Sшrlie stanno dirigendo progetti in Oslo. Tutti hanno stipulato un accordo di cooperazione, al fine di fare uso dei rispettivi metodi e risultati. Mentre i ricercatori Trondheim stanno usando la risonanza magnetica (MR) tomografia a caratterizzare i tumori, i ricercatori di Oslo stanno concentrando su cambiamenti molecolari. MR è una tecnica di imaging medico per la visualizzazione dettagliata del tessuto umano e animale interna.

Test su modelli animali

"Il cancro si sviluppa quando i geni in una cellula sono danneggiati", spiega il professor Anne-Lise Bшrresen-Dale, che lavora al progetto con il professor Sшrlie. "Questo è il motivo per cui la ricerca su materiale genetico è così cruciale per la nostra comprensione dei tumori."

I ricercatori Oslo studiano il background genetico di pazienti con cancro al seno e il DNA, RNA e proteine ​​dei loro tumori. Poi, per il confronto, mettono alla prova i vari trattamenti su animali che hanno ricevuto i tumori impiantati con vari profili genetici e la gravità dei pazienti. Dopo qualche tempo di trattamento, i soggetti animali vengono spediti a Trondheim, dove subiscono la scansione MR.

"Possiamo vedere se i segnali MR sono diverse per i tumori geneticamente diversi", aggiunge il professor Gribbestad ", e in caso affermativo, se ci sono caratteristiche distintive da utilizzare quando analizziamo immagini RM dei pazienti. Alcune caratteristiche, per esempio, possono suggerire che tumore del paziente è particolarmente difficile da trattare. "

Fino a 15 sottotipi

Professor Gribbestad ei suoi colleghi hanno sviluppato un nuovo metodo chiamato metabolomica. Una macchina speciale risonanza magnetica permette loro di studiare i processi biochimici di campioni di tessuto dei pazienti. Sei differenti processi avvengono in un tumore benigno rispetto ad un maligno?

"Per identificare questi processi biochimici," dice il professor Gribbestad, "potremmo essere in grado di sviluppare farmaci che possono fermare i processi che portano alla progressione nocivi in ​​alcuni pazienti affetti da cancro al seno. Questo metodo è unico in quanto ci permette di identificare rapidamente i processi senza distruggere il tessuto tumorale, in modo che il tessuto può essere riutilizzato in studi futuri. "

Nel 2000 la rivista scientifica Nature ha presentato il lavoro di Sшrlie e Bшrresen-Dale nell'identificare cinque sottotipi di cancro al seno. I ricercatori ritengono, inoltre, che una volta che affinano la loro identificazione di tumori nei singoli pazienti, essi possono scoprire che ci sono ben 15 sottotipi.

Nuovi principi di trattamento

L'obiettivo è personalizzato trattamenti mirati per ogni sottotipo tumorale. Alternative di trattamento correnti comprendono la chirurgia, la chemioterapia, radioterapia e terapia ormonale (anti-estrogeno). I ricercatori sono alla ricerca di nuove possibilità di trattamento, attraverso attività come studi di pazienti per testare il farmaco anticorpo Avastin.

Avastin è stato progettato per soffocare l'afflusso di sangue a un tumore bloccando la formazione di nuovi vasi sanguigni. Le donne con cancro al seno localmente avanzato che si sottopongono a trattamento a Oslo University Hospital sono ora offerti in combinazione con la chemioterapia Avastin. Campioni di loro tessuti, sangue e midollo osseo sono raccolti per le analisi future.

"Abbiamo intenzione di scoprire quali tipi di proteine ​​e geni sono espressi nei pazienti che rispondono al trattamento rispetto a quelli che non lo fanno," dice il professor Mжlandsmo. "Questo ci permetterà di personalizzare il trattamento con Avastin in base al profilo genetico del paziente."

"Studi su larga scala di questo tipo di trattamento sono in corso", dice il professor Bшrresen-Dale, "ma non stanno facendo i profili molecolari. Così si possono stabilire che una sostanza funziona, ma non per chi e perché."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha