La percezione che il problema disordini alimentari delle donne ritarda aiutare gli uomini sempre

Aprile 20, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La percezione diffusa che solo le donne hanno disturbi alimentari impedisce uomini con questi problemi da ottenere l'aiuto e il sostegno di cui hanno bisogno, indica un piccolo studio pubblicato sulla rivista online BMJ Apri.

Le stime indicano che circa 1 su 250 donne e 1 nel 2000 gli uomini nel Regno Unito hanno anoressia nervosa, uno dei quattro tipi di disturbi alimentari riconosciute - gli altri sono bulimia nervosa; binge eating disorder; e disturbi alimentari non altrimenti specificati (EDNOS).

L'incidenza di disturbi alimentari è in aumento tra gli uomini, con alcune stime suggeriscono che gli uomini rappresentano ormai un caso su quattro. Ma il povero riconoscimento dei segni e sintomi di disturbi alimentari negli uomini è probabile che significa che la reale prevalenza può essere maggiore, ancora, affermano gli autori.




Hanno intervistato 39 giovani di età compresa tra 16 e 25, di cui 10 erano uomini, sulle loro esperienze di disturbi alimentari tra, nel tentativo di valutare l'impatto di genere sulla diagnosi, il trattamento e il supporto.

Le interviste sono state effettuate per informare una risorsa paziente online (Healthtalkonline), ei partecipanti sono stati reclutati da organizzazioni di pazienti, social media, e gli operatori sanitari.

Quattro i temi emersi dalle interviste: il riconoscimento dei primi segni e sintomi; riconoscimento del problema; ottenere aiuto; e primo contatto con i servizi sanitari e di assistenza.

Tutti gli uomini hanno preso un po 'di tempo per rendersi conto che le loro esperienze e comportamenti erano possibili segni e sintomi di un disturbo alimentare durante i quali questi sono diventati radicata.

I loro comportamenti inclusi giorni in corso senza mangiare; spurgo; e calorie ossessivo conteggio, esercizio fisico, e la pesatura. Danneggiato auto-Alcuni anche e sempre più se stessi isolati dagli altri.

La percezione che i disturbi alimentari sono un problema delle donne, e in particolare un problema per le giovani donne, è stata citata come una delle ragioni principali per cui ci sono voluti loro tanto tempo per capire cosa stesse succedendo.

Un giovane uomo, che si è descritto come "uno dei ragazzi", ha detto che pensava di disturbi alimentari solo colpite "ragazze adolescenti fragili", mentre un altro ha detto che pensava di questi disturbi erano "qualcosa ragazze hanno."

Nessuno degli uomini era a conoscenza dei sintomi di un disturbo alimentare, e gli amici, la famiglia, e gli insegnanti sono stati anche molto lento a riconoscere i sintomi, spesso mettendo i comportamenti modificati fino a scelte personali.

Si stava raggiungendo solo un punto di crisi o di essere ammesso come un'emergenza che ha attivato la realizzazione di quello che stava accadendo a loro, gli uomini hanno detto.

Essi hanno inoltre ritardato cerca di aiuto perché temevano che non sarebbero presi sul serio da professionisti del settore sanitario, o non sapevano dove andare per il supporto.

E le loro esperienze del sistema sanitario sono stati misti. Mi hanno detto che spesso dovevano aspettare a lungo per una consulenza specialistica e talvolta erano state mal diagnosticato, o, come in un caso, ha detto dal medico "per l'uomo in su." Si lamentavano di informazioni insufficienti sui disturbi alimentari specificamente destinate agli uomini.

"Gli uomini con disturbi alimentari sono sottodiagnosticata, sottotrattati e sotto ricercato," scrivono gli autori.

"I nostri risultati suggeriscono che gli uomini potrebbero verificarsi particolari problemi nel riconoscere che essi possono avere un disturbo alimentare a causa della costruzione culturale continua di disturbi alimentari come unicamente o prevalentemente un problema femminile," aggiungono.

Questa percezione è "anche stato incorporato nella pratica clinica," si nota, aggiungendo che al fine di migliorare le prospettive per gli uomini con disturbi alimentari, "la diagnosi precoce è fondamentale."

Disturbi alimentari costano il NHS tra Ј50 e Ј70 milioni, mentre l'anoressia ha il tasso di mortalità più alto di tutte le condizioni psichiatriche adolescenti, fanno notare.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha