La restrizione calorica, esercizio aiutare a prevenire l'aumento di peso, altre complicazioni nelle donne obese

Marzo 11, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In uno studio che sarà presentato il 15 febbraio tra le 01:15 e 03:30 PST, alla società per la riunione annuale di Medicina Materno-fetale, il Pregnancy Meeting ™, a San Francisco, i ricercatori riporterà i risultati che suggeriscono che coerente l'attività fisica e cambiamenti nello stile di vita sano a partire dal primo trimestre di una donna in grado di prevenire un eccessivo aumento di peso nelle donne in gravidanza obese (con un indice di massa corporea superiore a 30), contribuendo a evitare la consegna pretermine, l'ipertensione e il diabete gestazionale.

Questo studio randomizzato, intitolato Presenza di complicanze della gravidanza in donne con BMI> 25 sottoposti a uno stile di vita sano e abitudini alimentari del programma, dovrebbe aiutare i medici a capire il motivo per cui è importante per offrire consigli più specifici per le donne obese in gravidanza per quanto riguarda la quantità di peso che dovrebbe acquisire durante la gravidanza.

"L'aumento di peso dovrebbe essere monitorata in relazione strettamente al peso di partenza. Se si inizia con BMI normale [definito in peso prima della gravidanza diviso per altezza misurata in metri al quadrato] potrebbe aumentare 11-16 chili. Ma se si è obesi, l'aspettativa è che si deve solo guadagnare 5-9 chili - più o meno solo il peso della gravidanza ", ha detto il dottor Fabio Facchinetti, riferimento l'Istituto di Medicina (IOM) negli Stati Uniti.




I ricercatori dell'Università di Modena e dipartimento materno-infantile di Reggio Emilia hanno collaborato con i loro colleghi nella medicina diagnostica clinica e dipartimento di sanità pubblica per creare un modifiche dello stile di vita (TLC) Programma. Le 33 donne nel gruppo di trattamento hanno seguito un regime di 1500 kcal/giorno dieta accoppiata con l'attività fisica lieve (30 minuti/giorno, 3 volte/settimana). Ventotto donne del gruppo di controllo appena ricevuto consigli generali da loro Ostetricia/Ginecologia. Hanno lavorato solo con gravidanze singole e trattamento iniziato a 12 settimane.

La loro ricerca mostra che il sottogruppo di donne obese [quelli del gruppo TLC con BMI> 30] che ha attaccato con una corretta dieta ed esercizio fisico, 77,8 per cento sono stati in grado di rimanere entro il limite di aumento di peso assegnato, a differenza di solo il 30 per cento dal gruppo di controllo. Inoltre, il tasso di, ipertensione, parto pretermine e il diabete gestazionale è risultata significativamente più bassa nel gruppo TLC.

"La diagnosi di diabete gestazionale è fatto [avendo le donne bevono] 75 grammi di glucosio e guardando i livelli, dopo una e due ore", ha detto Facchinetti. "Nel nostro studio, abbiamo trovato [dopo il monitoraggio dei livelli di glucosio] che il 57 per cento delle donne obese nel gruppo non-trattamento aveva il diabete, mentre nel gruppo di trattamento, è stato solo il 21 per cento. Questo è importante perché [il test del glucosio] era fatto a 16-18 settimane e, anche se negativa, ripetuta a 24 settimane. In altre parole, se la prima valutazione verificato appena 12 settimane dopo il trattamento è iniziato, la piccola quantità di tempo è sufficiente per correggere il livello del corpo di glucosio. "

Lo studio è stato condotto da Fabio Facchinetti, Elisabetta Petrella, Lucrezia Pignatti e Isabella Neri dell'Università di Modena e Reggio Emilia, Madre-Bambino Dipartimento, Modena, Italia; e Marcella Malavolti, Valentina Bertarini e Nino Carlo Battistini dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Medicina Diagnostica Clinica e Sanità Pubblica, Modena, Italia.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha