La riabilitazione cardiaca aiuta tempo di sopravvivenza nei pazienti cardiopatici sottoposti a terapia stent

Aprile 13, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di ricercatori della Mayo Clinic hanno scoperto che la riabilitazione cardiaca è associata a tassi di mortalità significativamente ridotte per i pazienti che hanno avuto stent posizionati per il trattamento di ostruzioni nelle loro arterie coronarie.

I risultati, presentati al meeting annuale della American College of Cardiology di Atlanta, hanno scoperto che i pazienti che avevano angioplastica coronarica (impianto di stent, noti anche come intervento coronarico percutaneo) e successivamente hanno partecipato ad un programma di riabilitazione cardiaca ha avuto un calo da 45 a 47 per cento della mortalità rispetto a coloro che non hanno partecipato a un programma di riabilitazione cardiaca.

"I pazienti devono sapere che una volta che hanno avuto uno stent coronarica posto, che non sono guariti", afferma Randal Thomas, MD, un cardiologo preventiva presso la Mayo Clinic di Rochester, Minn. "La partecipazione in un programma di riabilitazione cardiaca migliorerà la loro risultati di salute e la qualità della vita. "




Lo studio è uno dei pochi che ha esaminato i tassi di mortalità dopo angioplastica coronarica. "Nessun altri studi sono stati in grado di includere i dettagli clinici abbiamo incluso," dice il Dott Thomas. Il gruppo di ricerca ha esaminato i record da un database speciale di 2.351 pazienti Mayo Clinic sottoposti ad angioplastica coronarica tra il 1994 e il 2008. Il tasso di partecipazione complessiva nella riabilitazione cardiaca è stata del 40 per cento. I singoli pazienti sono stati seguiti per una media di sei anni.

Nei programmi di riabilitazione cardiaca, i pazienti esercitare con rigore e ottenere aiuto nel controllo dei fattori di rischio. Questo porta a benefici per la salute che sono evidenti entro il primo anno, e crescono ancora più grande nel lungo periodo, il dottor Thomas dice.

Anche se i programmi di riabilitazione cardiaca sono utili, il dottor Thomas dice solo il 20 per cento di tutti i pazienti cardiaci ammissibili a livello nazionale e il 60 per cento dei pazienti Mayo partecipano. Diversi fattori producono ostacoli alla partecipazione.

"La riabilitazione cardiaca, non era coperto da assicurazione per i pazienti sottoposti a terapia con angioplastica fino al 2006", afferma il Dr. Thomas. "Molti pazienti e fornitori non sanno che è coperto ora. Inoltre, alcuni pazienti vivono lontano da un centro di riabilitazione cardiaca. Ma la cosa più preoccupante è che i medici spesso non riescono a sottolineare la necessità di riabilitazione cardiaca con i loro pazienti."

"La riabilitazione cardiaca è come una zattera di salvataggio per portare loro (pazienti procedura cuore) attraverso l'acqua bianca turbolenta di problemi cardiaci", afferma il Dr. Thomas. "E 'molto importante che partecipano a un programma del genere."

Collaborazione

Lo studio è stato finanziato dalla Clinica Mayo Divisione di Cardiologia. Co-autori includono Kashish Goel, M.B.B.S .; Ryan Lennon; R. Thomas Tilbury, M.D .; e Ray Squires, Ph.D., tutti Mayo Clinic.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha