La risposta del tumore precoce da radiochirurgia stereotassica predice esito

Maggio 13, 2015 Admin Salute 0 11
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La risposta di un paziente con metastasi cerebrali a trattamento con radiochirurgia stereotassica nelle prime settimane sei-dodici può indicare se sono necessari trattamenti e il monitoraggio di follow-up, secondo una ricerca condotta presso la University of North Carolina School of Medicine.

Lo studio di 52 pazienti con legioni cerebrali metastatici, pubblicato nel numero di gennaio della rivista Neurochirurgia, ha scoperto che i tumori la cui diminuito in modo significativo dopo il trattamento con radiochirurgia stereotassica (SRS) dimensioni non ha ripreso la crescita o richiedono un trattamento addizionale. La ricerca, condotta da un team guidato da Matthew G. Ewend, MD, presidente del Dipartimento di Neurochirurgia UNC e membro del UNC Lineberger Comprehensive Cancer Center, potrebbe ridurre la necessità di monitorare continuamente i pazienti che rispondono bene a SRS.

"Abbiamo misurato il volume dei tumori nel tempo per vedere se potevamo prevedere, sulla base di ciò che è accaduto in principio, quello che sarebbe successo a lungo termine. Quello che abbiamo trovato era che i tumori che non restringono in principio avevano più probabilità di essere in seguito correlata ad un paziente di avere un problema neurologico o che necessitano di steroidi ", ha detto il dottor Ewend. "Se hanno fatto restringono, erano più propensi a rimanere sotto controllo a lungo termine."




L'avvento dei sistemi SRS permette ai medici di indirizzare i tumori con precise, travi alte dosi di radiazioni. Mentre la tecnica è in uso diffuso, la pratica corrente richiede ripetute visite di controllo per determinare la sua efficacia. I risultati di questo studio indicano che tale controllo può essere necessaria solo per i pazienti che non rispondono positivamente entro i primi sei a dodici settimane dopo il trattamento SRS.

«Si potrebbe prendere meno risonanza magnetica o TAC in seguito se hai una buona risposta, perché sappiamo che non mancherebbe. Abbiamo bisogno di meno di imaging con meno preoccupazione per i pazienti", ha detto il dottor Ewend.

Tra il 20 e il 40 per cento degli adulti con tumore sviluppare tumori al cervello, che metastatizzano da tumori in altre parti del corpo. Il numero di tumori cerebrali trattati da medici è aumentato, come i trattamenti migliori per i tumori che depongono le uova li aumentano la sopravvivenza del paziente. A causa della natura sistemica di questi tumori, le implicazioni di sopravvivenza della risposta precoce positiva dipendono in gran parte da come i pazienti rispondono alla terapia per il tumore iniziale.

"Questo non è in un vuoto. Anche se controlli la malattia del cervello, possono ancora morire di loro altre malattie. Con un migliore controllo della malattia del cervello, i pazienti hanno una migliore possibilità di vivere più a lungo, ma ci vorranno due miglioramenti terapia sistemica e la terapia del cervello ", ha detto il dottor Ewend.

Lo studio ha incluso pazienti con UNC polmone, della mammella, melanoma e tumori a cellule renali. Esso si basa sulla prima ricerca che ha indicato una risposta simile in pazienti con carcinoma renale a cellule chiare. Dr. Ewend ha detto che la ricerca futura dovrà aumentare il numero di pazienti per rafforzare i risultati e determinare quali fattori influenzano la risposta positiva presto. Una possibilità per la ricerca futura è quello di determinare i fattori genetici alla base della risposta del tumore, che permetteranno ai ricercatori di sviluppare un test genetico per prevedere il risultato di un paziente.

"Finalmente Potremmo prevedere per i singoli pazienti prima li trattiamo ciò è probabile che avrebbero risposto," ha detto il dottor Ewend.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha