La tecnologia a radiofrequenza in fase di sviluppo per localizzare i tumori al seno

Maggio 11, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Soprattutto il filo di localizzazione.

Un filo di localizzazione letteralmente è un filo sottile inserito nel seno attraverso un ago per aiutare contrassegnare la posizione di un tumore o di massa benigna il giorno dell'intervento. Per il paziente, è un altro passo in un processo già doloroso ed emotivamente straziante.

Per un gruppo di ingegneri dell'Università di Wisconsin-Madison e clinici, è stata l'occasione per sviluppare una soluzione che è tecnologicamente elegante, preciso e paziente-centrica.




La soluzione del gruppo - un sistema che sostituisce il filo di localizzazione con un tag a radiofrequenza, che aiuta il chirurgo traccia la posizione del tumore con maggiore precisione - è stato l'impulso per i ricercatori di fondare l'azienda Elucent Medical. La proposta dell'azienda, che mira a beneficio dei pazienti e prestatori di cure simili, ha recentemente vinto del 2014 Wisconsin Governatore del Business Plan Competition.

Dan van der Weide, un professore di UW-Madison di ingegneria elettrica e informatica e uno dei fondatori di Elucent, discute il filo di localizzazione con sgomento palpabile. "Non è una cosa che penso io auguro a nessuno", dice. "È stressante posizionare questo filo il giorno di un intervento chirurgico difficile".

E agli occhi di un ingegnere, il filo di localizzazione crea tutti i tipi di ostacoli agli obiettivi finali di rimozione di un tumore, preservando il più tessuto mammario sano possibile. Ad esempio, il filo viene inserito quando il seno è compresso in una macchina mammografia o sotto guida ecografica. Se la massa o il cancro si trova al centro del seno, ci può essere una distanza di più di due centimetri da quello di massa alla pelle dove il filo deve uscire.

"Ho una foto 2-D di dove il filo è nel seno, ma è un evento di 3-D - e richiede mettendo le immagini insieme per trovare il cancro", spiega di Elucent Lee Wilke, direttore del Centro Breast UW Salute e un professore di UW-Madison di chirurgia.

Anche al massimo, il filo di localizzazione è semplicemente marcatura un punto lungo il confine del tumore, lasciando al chirurgo di capire il resto dell'immagine. "Il filo può essere molto di parte, perché viene da una sola direzione", dice Wilke. "E 'stato così per più di 30 anni."

Una soluzione possibile è quella di impiantare un piccolo pellet radioattivo in corrispondenza della posizione del tumore, poi seguirli con un rilevatore di radiazioni palmare. Ma Wilke sottolinea che i medici cancro sono già esposti a un sacco di radiazioni, e la loro messa a rischio ancora di più, ovviamente, non è un bene per nessuno.

Radio Frequency Identification (RFID), una tecnologia diffusa con molte applicazioni in monitoraggio e di comunicazione, offre un compromesso.

La soluzione dipende ampliare la portata di una tecnologia relativamente semplice con molti usi quotidiani. Un animale domestico che è stato "microchip" è stato impiantato con un circuito integrato che utilizza la tecnologia RFID per trasmettere informazioni di identificazione durante la scansione. Una delle principali sfide tecniche di Elucent è quello di creare un nuovo tipo di tag RFID che meglio adattare la tecnologia per scopi di localizzazione. "Non c'è nessuna struttura per dire, guarda, il tag è esattamente 3,5 centimetri e profondo più di 1 cm dal dove il vostro lettore è", dice van der Weide.

Attualmente sta lavorando sulla progettazione di un array di bobina che può avvolgere un tag RFID e fornire dati di posizione più precisi tramite un lettore bacchetta-come in sala operatoria.

Team di fondatori di Elucent basa sui successi del passato con collaborazioni medico-ingegneria. Van der Weide, radiologia professor Fred Lee e Chris Brace, professore associato di ingegneria biomedica e di radiologia, in precedenza hanno lavorato insieme per far progredire la tecnologia per tumore ablazione, fondando la società NeuWave Medical nel processo. L'ex CEO di NeuWave Laura King ora dirige Elucent, che vanta anche Elizabeth Burnside, un professore associato UW-Madison di radiologia e ingegneria industriale e dei sistemi.

Chirurghi come Wilke auspica una valida alternativa al filo di localizzazione, a condizione che sia facile da imparare e da usare, e van der Weide è orgoglioso del fatto che la soluzione di Elucent al problema non è poi così complessa. In effetti, grande passo della società è che rende il processo di trattamento più economico e logisticamente più semplice. Perché il tag potrebbe essere impiantato mentre il paziente viene sottoposto a biopsia, elimina in sostanza, non solo il filo, ma anche l'intera procedura filo-impianto di localizzazione, che secondo l'azienda può risparmiare fino a 2.500 dollari per paziente.

Prima Elucent può sostituire il filo di localizzazione con ciò che è essenzialmente una piccola pallina di metallo, gli ingegneri potranno perfezionare il design dell'oggetto e chiedere l'approvazione regolamentare. Ma il team è fiducioso che fare un passo indietro e ripensare una procedura obsoleta eleverà gli standard di cura e dignità per i pazienti di cancro al seno.

"Un sacco di procedure mediche evoluzione di un bisogno immediato, e il buon senso e semplicità non erano in prima linea", dice van der Weide.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha