La tecnologia aiuta Stanford gettare nuova luce su coronarico Bypass Surgery

Maggio 28, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

STANFORD, California -. Il 31 marzo, Joel Dyels ha festeggiato il suo 72 ° compleanno da un intervento di bypass coronarico a Stanford Hospital. Inoltre è diventato il terzo paziente a Stanford - e negli Stati Uniti - di beneficiare di un nuovo sistema di imaging che permette medici vedere i percorsi di sangue che hanno creato, mentre il torace del paziente è ancora aperto.

Fino ad ora, i medici erano quasi mai in grado di confermare se la chirurgia di bypass aveva avuto successo, mentre il paziente era ancora sul tavolo operatorio. Nella maggior parte dei casi, solo dopo che il petto era stato chiuso potrebbero medici ottenere un'immagine del cuore e vedere se sangue scorre attraverso i vasi appena creati.

"La nuova tecnologia ora è semplicemente fantastico", ha detto Dyels. Andò a casa cinque giorni dopo il suo intervento, che è stata eseguita da Robert Robbins, MD, professore e presidente della chirurgia cardiotoracica presso la Facoltà di Medicina dell'Università di Stanford. "Tutto ciò che posso fare per aiutare anticipo la tecnologia è grande".




Questa nuova tecnica è "acceso le luci nelle sale operatorie", ha detto Peter Fitzgerald, MD, PhD, professore associato di medicina cardiovascolare. Fitzgerald e dei suoi colleghi Scott Mitchell, MD, professore di chirurgia cardiotoracica, e assistente professore Marc Pelletier, MD, utilizzato la nuova tecnologia in chirurgia per la prima volta negli Stati Uniti il ​​16 marzo.

La tecnologia, chiamata il sistema di imaging SPY Intra-operatoria, è stato approvato nel mese di gennaio da parte della Food and Drug Administration per l'uso in chirurgia di bypass coronarico, l'intervento chirurgico a cuore aperto più comune nel Paese con più di 300.000 pazienti sottoposti alla procedura ogni anno. Il sistema, realizzato da Novadaq Technologies, è stata utilizzata con successo per diversi anni in Asia, Europa e Canada, dove Pelletier aveva usato su un certo numero di occasioni, come un chirurgo cardiaco presso l'Università di Toronto. Fitzgerald è stato determinante nel portare il sistema verso gli Stati Uniti. Sia lui che Robbins sono a bordo scientifica Novadaq.

Bypass coronarico viene effettuata quando il flusso di sangue al cuore è compromessa a causa dei vasi bloccati che non possono essere Unclogged attraverso la droga, raschiatura meccanica o l'uso di uno stent per tenere un'arteria ostruita aperta. La procedura prevede navi innesto da altre parti del corpo per creare condotti alternative di flusso di sangue al cuore. Tradizionalmente gli innesti sono creati dalle vene delle gambe, ma i chirurghi ora usano frequentemente le arterie dal avambraccio e torace.

"Quando il paziente è aperto in sala operatoria e chirurghi hanno speso tutto questo tempo e competenza tecnica per ripristinare il flusso di sangue per il paziente, guardano il cuore come si inizia a battere e vedere se tutte le innesti guardare bene," ha spiegato Fitzgerald. "Ma questo è senza criteri oggettivi."

Circa 5 a 8 per cento del tempo, ha detto, un innesto che inizialmente sembrava soddisfacente non funziona bene. Questo può portare a risultati insoddisfacenti e talvolta può richiedere un altro procedimento, come stenting coronarico o chirurgia ripetere bypass coronarico. Che i chirurghi hanno bisogno è la capacità di vedere se il sangue scorreva in modo che tutte le correzioni necessarie potrebbe essere fatto sul posto. Fino ad ora, ci sono state poche buone opzioni.

Il sistema SPY utilizza un colorante fluorescente verde che si attacca alle proteine ​​nel sangue ed emette luce quando stimolato da un laser molto bassa energia. La tecnica non si riscalda tessuto cardiaco e non pone alcun rischio per il personale in sala operatoria. Il colorante iniettato accende sangue che scorre attraverso le vene e le arterie in tempo reale, un'azione che può essere proiettata su uno schermo e salvato.

Questa nuova tecnologia fornisce in pochi minuti le stesse informazioni raccolte dal gold standard attuale per la visualizzazione blocchi coronarica: l'angiogramma. Un angiogramma usa raggi X e un colorante di contrasto che viene iniettato nel cuore attraverso un tubo sottile e flessibile inserito nel braccio o alla gamba. La procedura è quasi sempre eseguita dopo l'intervento chirurgico, a volte ore dopo o anche il giorno successivo. Fitzgerald detto un angiogramma può avvenire durante l'intervento chirurgico, ma è in termini di tempo, ingombrante ed espone tutti nella sala operatoria per raggi-X.

"Sarebbe ideale se i chirurghi potessero vedere quello che stanno facendo in modo che non chiudono il petto essere un condotto breve", ha detto Fitzgerald. "Ora, per la prima volta i chirurghi possono scattare una foto con un modo diretto per valutare in che modo efficiente la loro procedura è stato."

Come un chirurgo cardiaco, Pelletier ha detto che ha apprezzato avendo la possibilità di vedere tutte le imperfezioni innesti durante l'intervento ed effettuare le correzioni necessarie. "Trascorrere qualche minuto in più durante un'operazione di quattro ore può avere benefici per il paziente che durerà per anni", ha detto Pelletier.

Con la nuova funzionalità a Stanford, un team di cardiologi e cardiochirurghi sta conducendo un ampio studio clinico a livello nazionale per valutare sistematicamente l'efficacia di SPY e confrontarlo con gli altri modi di valutare il flusso di sangue durante l'intervento chirurgico. Il team di ricerca sarà anche monitorare e riferire su quanto spesso innesti non sono ottimali al primo tentativo.

Oltre l'uso approvato dalla FDA nel visualizzare la funzione cardiaca bypass, Fitzgerald spera che la tecnologia possa ispirare altri progressi.

"Ogni volta che si dispone di un nuovo strumento diagnostico, stimola la nuova tecnologia per la terapia", ha detto Fitzgerald, indicando colonscopia come esempio. "Non è stato fino a quando abbiamo avuto una videocamera illuminante l'interno dell'intestino che abbiamo imparato a prendere i polipi e imparato a mettere in scena il cancro del colon-retto", ha spiegato. "Abbiamo finalmente acceso la luce all'interno. Questa è la stessa cosa."


(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha