La terapia della medicina nucleare aumenta la sopravvivenza dei pazienti con tumore del colon-retto, metastasi epatiche

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per i pazienti che non rispondono ai trattamenti attuali di prima linea e di seconda linea per metastasi epatiche colorettali cancro (noto anche come pazienti di salvataggio), radioembolizzazione con Y-90 microsfere potrebbe estendere la sopravvivenza secondo una nuova ricerca pubblicata nel numero di novembre di The Journal di Medicina Nucleare. Una revisione sistematica condotta da ricercatori hanno dimostrato che circa il 50 per cento dei pazienti di salvataggio hanno una sopravvivenza globale di più di 12 mesi dopo questa terapia di medicina nucleare.

Il cancro colorettale è il terzo tipo più comunemente diagnosticato di cancro in tutto il mondo negli uomini e la seconda nelle donne, ed è anche la terza causa più comune di morte. In circa il 50 per cento dei pazienti, metastasi al fegato sono presenti alla diagnosi o durante il follow-up, che rappresentano una grande porzione di morbilità e mortalità nei pazienti.

Una revisione strutturata è stata effettuata dai ricercatori per raccogliere tutti i dati disponibili sulla radioembolizzazione per il gruppo specifico di pazienti con metastasi epatiche colorettali cancro. "Anche se abbastanza alcune recensioni sono stampati sul tema della radioembolizzazione, abbiamo ritenuto che una revisione strutturata e completa sulla sopravvivenza e di risposta dati per questi pazienti era carente," ha dichiarato Charlotte ENM Rosenbaum, PhD, autore principale dello studio "radioembolizzazione per il trattamento di salvataggio pazienti con cancro colorettale metastasi epatiche:. A Review sistemica"




I ricercatori hanno esaminato un totale di 13 articoli su Y-90 radioembolizzazione come monoterapia e 13 articoli su Y-90 radioembolizzazione come in combinazione con la chemioterapia. Tra gli studi, i tassi di controllo della malattia (ad esempio, di risposta completa, risposta parziale e malattia stabile) variava 29-90 per cento negli studi in monoterapia, che hanno coinvolto 901 pazienti. Negli studi in cui Y-90 radioembolizzazione è stato combinato con la chemioterapia, che coinvolgono 472 pazienti, tassi di controllo della malattia variava 59-100 per cento.

"Dagli studi inclusi in questa revisione sistematica, sono state trovate percentuali di sopravvivenza di circa il 50 per cento. Pertanto, in questo gruppo di cancro salvagecolorectal metastasi epatiche pazienti che altrimenti non hanno opzioni di trattamento regolari e una speranza di vita di meno di sei mesi, Y-90 radioembolizzazione sembra essere un'opzione di trattamento di speranza ", ha osservato Rosenbaum.

Ha continuato, "Il nostro lavoro mostra tutti i dati pubblicati su questo argomento dal primo studio randomizzato in poi. Inoltre, abbiamo determinato di 12 mesi proporzioni di sopravvivenza per tutti inclusi articoli di fornire una migliore visione d'insieme e per consentire una migliore per i confronti. Infine, questa panoramica degli spettacoli letteratura che gli argomenti non sono stati al centro di molte ricerche e possono quindi essere interessante per ulteriori lavori ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha