La terapia farmacologica per l'allergia si muove in avanti

Aprile 11, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori hanno identificato diverse molecole bersaglio che sono adatti per lo sviluppo di nuovi farmaci allergia. Il giornale di Allergologia e Immunologia Clinica, ha recentemente pubblicato un ampio articolo di rassegna sulle prospettive di terapia farmacologica per l'allergia. Completato in un progetto europeo su larga scala, l'autore principale di questo articolo recensione rappresenta professore Ilkka Harvima dell'Università della Finlandia orientale e Kuopio University Hospital.

Reazioni allergiche immediate e malattie allergiche come rinite allergica, l'asma e orticaria sono estremamente diffuso nella popolazione. Tradizionalmente, la terapia farmacologica per l'allergia si basa sull'impiego di antistaminici non-sedativi, cioè il blocco dei recettori H1 dell'istamina, ma talvolta aiuto addizionale si ottiene dalla bloccanti del recettore-1 cisteinil leucotriene ..

Antistaminici cercano di prevenire i sintomi allergici causati da istamina rilasciata dai mastociti. I mastociti, noto anche come "le cellule allergia," sono cellule del sistema immunitario che si attivano da allergeni ambientali.




"Tuttavia, anche alte dosi di farmaci antistaminici H1 non sono sufficienti per alleviare i sintomi di alcuni pazienti. Questo è comprensibile, come quando i mastociti si attiva, molti altri forti mediatori oltre istamina vengono rilasciati, anche. Istamina può colpire anche altri recettori della superficie cellulare che il recettore H1 ", spiega il professor Harvima.

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno identificato diverse molecole mastociti che possono essere bersaglio di nuovi farmaci. Molti di questi hanno già proceduto alla sperimentazione clinica. Tali obiettivi includono, ad esempio, la serina proteasi triptasi, chimasi, catepsina G, che sono enzimi che degradano le proteine, così come-5-lipossigenasi attivando proteine ​​FLAP, 15-lipossigenasi-1, prostaglandina-D2, e citochine proinfiammatorie quali TNF-alfa, IL-4, IL-6 e IL-17. Nuovi farmaci mirati recettore H4 istamina sono inoltre in fase di sperimentazione clinica. Nel prossimo futuro, è possibile che la terapia farmacologica per allergia è una combinazione di H1 e H4 bloccanti del recettore.

Diverse molecole target sono state individuate anche in vie di segnalazione intracellulare e di proteine ​​di sopravvivenza delle cellule. Inibendo queste molecole può portare alla prevenzione di attivazione del cellulare e alla prevenzione di rilascio di mediatori. Vari recettori che possono attivare o inibire il cellulare sono stati individuati sulla superficie cellulare. Diverse molecole di farmaco rendono possibile influenzare la funzione di questi recettori e, di conseguenza, per impedire l'attivazione delle cellule e il rilascio di mediatori.

I mastociti e basofili: Obiettivi per il progetto terapie innovative, finanziato da fondi COST BM1007 dell'UE, riunisce esperti europei incentrati sulla individuazione di nuove molecole bersaglio per lo sviluppo di farmaci, compresi i farmaci di allergia. L'Università della Finlandia orientale e Kuopio University Hospital sono stati rappresentati nel progetto dal professor Harvima, che è anche l'autore principale di questo articolo revisione.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha