La terapia potenziale per, il cancro resistente ai farmaci rare utilizzando farmaci già approvati

Aprile 17, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Con lo screening di una libreria di farmaci antitumorali approvati dalla FDA, che in precedenza non sarebbero state considerate come trattamento per un raro tipo di cancro, gli scienziati sono rimasti sorpresi UPCI quando hanno trovato una serie di potenziali possibilità di provare se il tumore diventa resistente al trattamento farmacologico standard.

La scoperta, che sarà pubblicata nel 15 ° numero di febbraio di Cancer Research, dimostra che high-throughput screening farmaci già approvati dalla FDA può identificare nuove terapie che potrebbero essere rapidamente trasferiti alla clinica.




"Questo è noto come 'riuso droga,' ed è un modo sempre più promettente per accelerare lo sviluppo di trattamenti per i tumori che non rispondono bene alle terapie standard", ha detto l'autore senior Anette Duensing, MD, assistente professore di patologia alla UPCI . "Repurposing droga si basa su precedenti sforzi di ricerca e di sviluppo, e le informazioni dettagliate sulla formulazione e sicurezza dei farmaci è di solito disponibile, il che significa che può essere pronto per le prove cliniche molto più veloce di un farmaco nuovo."

Dr. Duensing e il suo team corse lo screening su 89 farmaci precedentemente approvati dalla FDA nel tentativo di trovare più opzioni di trattamento per i pazienti con tumori stromali gastrointestinali (GIST), che sono tumori non comuni che iniziano nelle pareti del tratto gastrointestinale. Secondo l'American Cancer Society, circa 5.000 casi di GIST si verificano ogni anno negli Stati Uniti, con un tasso di sopravvivenza a cinque anni previsto per il 45 per cento in pazienti con malattia avanzata.

I GIST sono causati da una singola mutazione genetica e possono essere trattati con successo con l'imatinib droga terapia mirata, noto con il nome commerciale Gleevec. Tuttavia, circa la metà dei pazienti trattati con Gleevec diventano resistenti al farmaco entro i primi due anni di trattamento.

Dopo aver studiato come campioni di GIST risposto a varie concentrazioni dei 89 farmaci in laboratorio, il dottor Duensing ei suoi colleghi hanno identificato 37 composti che hanno mostrato una certa attività antitumorale in almeno una delle concentrazioni testate. È importante sottolineare che, hanno notato che i candidati più promettenti tutti appartenevano a solo due grandi classi di farmaci: inibitori della trascrizione genica e cosiddetti inibitori della topoisomerasi II. Sulla base di questi risultati, il team di ricerca ha selezionato i due composti più promettenti per ulteriori test - inibitore trascrizione genica mitramicina A, che è in studi clinici per il trattamento di sarcoma di Ewing, e topoisomerasi II inibitore mitoxantrone, che viene utilizzato nel carcinoma mammario metastatico e leucemia .

Entrambi i farmaci sono stati molto efficaci nel combattere GIST in test di laboratorio. Inoltre, il meccanismo di azione di ciascun farmaco era legata alla biologia sottostante specifico di questi tumori.

"Questi risultati sono molto incoraggianti", ha detto il dottor Duensing. "Il prossimo passo sarà in movimento i nostri risultati di esplorazione clinica per vedere se i risultati abbiamo trovato in laboratorio reggono nei pazienti."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha