La ventilazione non invasiva dovrebbero essere utilizzati nella epidemie contrarie alle raccomandazioni correnti

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Contrariamente alle politiche attuali raccomandano che la ventilazione non invasiva essere evitato durante un'epidemia infettiva, di un commento in CMAJ (Canadian Medical Association Journal) gli autori sostengono che dovrebbe essere utilizzato in questa impostazione.

La ventilazione non invasiva utilizza un'interfaccia maschera per ventilare i polmoni di pazienti in insufficienza respiratoria, piuttosto che un tubo inserito nella trachea. Perché candidati idonei per la ventilazione non invasiva evitare complicazioni associate con l'intubazione endotracheale, hanno risultati migliori rispetto ai pazienti simili che sono ventilati invasivo.

Divieti contro la ventilazione non invasiva sono stati attuati nel corso della SARS (grave sindrome respiratoria acuta) focolaio nel 2003, perché si pensava che il flusso dalla maschera ha aumentato il rischio di trasmissione infettive al personale. Da allora, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, Agenzia Sanitaria Nazionale del Regno Unito, Hong Kong Lung Association, l'American Association of Respiratory Care e Provinciali Malattie Infettive dell'Ontario comitato consultivo hanno pubblicato linee guida che trattano la ventilazione non invasiva come una procedura ad alto rischio.




"Durante l'epidemia di SARS, il suggerimento che la ventilazione non invasiva può aumentare il rischio di trasmissione di malattie è stata considerata una giustificazione sufficiente per evitare il suo uso. Tuttavia nei 6 anni da allora, nessuna prova convincente ha motivato che la teoria. D'altra parte, ventilazione non invasiva ha dimostrato di salvare la vita di alcuni pazienti in insufficienza respiratoria acuta ", scrivere John McCracken, un terapista a Peterborough Regional Health Centre a Peterborough Ontario Canada e il Dr. Karen Burns dell'ospedale St. Michael di Toronto.

"E 'nell'interesse di nessuno per i pazienti di sottoporsi intubazione endotracheale nei casi in cui possa essere evitato."Data l'evidenza disponibile, il principio di precauzione dovrebbe guidarci verso l'uso della ventilazione non invasiva durante un'epidemia", scrivono gli autori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha