La vitamina A aumenta la presenza di HIV nel latte materno, gli studi suggeriscono

Aprile 2, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Integratori di vitamina A e beta-carotene sono pericolosi per le donne sieropositive che allattano perché possono aumentare l'escrezione del virus HIV nel latte materno - aumentando così le probabilità di trasmettere l'infezione al bambino, un paio di nuovi studi suggeriscono.

Epidemiologo Eduardo Villamor della University of Michigan School of Public Health, dice la trasmissione dell'HIV attraverso l'allattamento al seno si verifica perché il latte materno porta particelle virali che il bambino ingerisce. Integrando donne HIV-positivi con vitamina A e beta-carotene sembra aumentare la quantità di virus nel latte.

Questo può essere in parte perché le stesse sostanze nutritive aumentare il rischio di sviluppare mastiti subcliniche, una condizione infiammatoria che provoca plasma sanguigno a fuoriuscire nella ghiandola mammaria e le particelle virali per poi perdere nel latte, dice.




Le scoperte di Villamor appaiono in due articoli separati nella American Journal of Clinical Nutrition e il Journal of Nutrition. I risultati sono significativi perché forniscono spiegazioni biologiche per una precedente relazione che la supplementazione con questi nutrienti maggiore probabilità di trasmissione da madre a figlio dell'HIV.

"Così ora ci sono forti argomenti per considerare le implicazioni di integrazione per le donne in gravidanza o in allattamento che sono HIV-positivi", ha detto Villamor, professore associato di epidemiologia e salute ambientale scienze. "Non sembra come se fosse un intervento sicuro per loro."

La trasmissione madre-figlio dell'HIV è un problema enorme nei paesi in via di sviluppo in cui l'HIV è prevalente, Villamor ha detto. Solo nel 2008, ci sono stati 430.000 nuove infezioni e più di 95 per cento di coloro che il risultato di trasmissione da madre a figlio. La maggior parte erano in Africa sub-sahariana.

In uno degli studi, 1.078 donne con infezione da HIV sono stati divisi in quattro gruppi. I gruppi di prova hanno ricevuto 5.000 IU di vitamina A e di 30 mg di beta-carotene di tutti i giorni durante la gestazione e l'allattamento, o un regime di controllo. La dose per il beta-carotene è stato superiore a quello normalmente previsto dalla dieta, secondo Villamor. Le dosi più piccole potrebbero non avere lo stesso effetto.

Villamor detto test cercando di separare gli effetti di ogni nutriente dimostrato che il beta-carotene sembrava aumentare la quantità di HIV nel latte materno indipendente vitamina A, ma l'effetto della vitamina A da solo non può essere esclusa. I risultati sono potenzialmente controverso perché la vitamina A è un integratore importante per le donne dopo il parto nei paesi in cui l'infezione da HIV è molto diffuso, ma i programmi di supplementazione non possono tener conto dello stato di HIV di una donna.

"Il cibo da asporto è che la supplementazione quotidiana di donne in gravidanza o in allattamento da HIV con vitamina A e beta-carotene alle dosi testate probabilmente non è sicuro e gli sforzi devono essere rafforzati per la prevenzione della trasmissione da madre a figlio attraverso altri interventi come l'anti regimi -retroviral "Villamor ha detto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha