La vitamina D potrebbe alzare i tassi di sopravvivenza tra i pazienti affetti da cancro

Maggio 29, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I malati di cancro che hanno alti livelli di vitamina D quando sono diagnosticati tendono ad avere migliori tassi di sopravvivenza e di rimanere in remissione più di pazienti che sono la vitamina D-carenti, secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal del Endocrine Society of Clinical Endocrinology & Metabolism ( JCEM).

Il corpo produce naturalmente la vitamina D dopo l'esposizione alla luce solare e lo assorbe da certi cibi. Oltre ad aiutare il corpo assorbire il calcio e fosforo necessari per ossa sane, la vitamina D colpisce una varietà di processi biologici legandosi a una proteina chiamata recettore della vitamina D. Questo recettore è presente in quasi ogni cellula del corpo.

"Rivedendo studi che collettivamente hanno esaminato i livelli di vitamina D nei pazienti con 17.332 cancro, la nostra analisi ha dimostrato che i livelli di vitamina D sono legati a risultati migliori in diversi tipi di cancro", ha detto uno degli autori dello studio, Hui Wang, MD, PhD, professore di l'Istituto di Scienze dell'Alimentazione presso gli Istituti di Shanghai per le Scienze Biologiche presso l'Accademia Cinese delle Scienze di Shanghai, in Cina. "I risultati suggeriscono la vitamina D può influenzare la prognosi per le persone con il cancro al seno, cancro del colon-retto e linfoma, in particolare."




La meta-analisi ha esaminato i risultati di 25 studi separati che hanno misurato i livelli di vitamina D nei pazienti con tumore al momento della diagnosi e rintracciato il tasso di sopravvivenza. Nella maggior parte delle ricerche, i pazienti avevano i loro livelli di vitamina D testati prima di essere stati sottoposti a un trattamento per il cancro. Lo studio ha trovato un/L aumento di 10 nmol dei livelli di vitamina D è stata legata ad un aumento del 4 per cento in termini di sopravvivenza tra le persone con il cancro.

I ricercatori hanno trovato il legame più forte tra i livelli di vitamina D e la sopravvivenza nel tumore al seno, il linfoma e il cancro del colon-retto. C'era meno evidenza di un collegamento in persone con il cancro al polmone, cancro gastrico, il cancro alla prostata, leucemia, il melanoma o carcinoma a cellule di Merkel, ma i dati disponibili sono stati positivi.

"Considerando che la carenza di vitamina D è un problema molto diffuso in tutto il mondo, è importante assicurare che ognuno abbia livelli sufficienti di questa importante sostanza nutritiva", ha detto Wang. "I medici devono prestare attenzione ai livelli di vitamina D nelle persone che sono stati diagnosticati con cancro."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha