La vitamina D solleva l'umore durante i mesi di freddo, dicono i ricercatori

Marzo 20, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una dose giornaliera di vitamina D potrebbe essere solo quello che la gente nei climi nordici devono ottenere attraverso il lungo inverno, secondo i ricercatori della Loyola University Chicago Marcella Niehoff School of Nursing (MNSON). Questo nutriente solleva l'umore durante i mesi di freddo quando le giornate sono brevi e più tempo viene speso in casa.

"La carenza di vitamina D continua ad essere un problema, nonostante i benefici per la salute ampiamente segnalati del nutrienti", ha detto Sue Penckofer, PhD, RN, professore, MNSON. "Chicago inverni aggravi il problema quando più persone trascorrono il tempo lontano dalla luce del sole, che è una fonte naturale di vitamina D."

Sola dieta può non essere sufficiente per gestire i livelli di vitamina D. Una combinazione di un adeguato apporto alimentare di vitamina D, l'esposizione alla luce solare, e il trattamento con vitamina D2 o D3 integratori può ridurre il rischio di alcuni problemi di salute. L'intervallo preferito nel corpo è 30 - 60 a ng/mL di 25 (OH) vitamina D.




Docenti Loyola progettate prendere ricerche vitamina D un ulteriore passo avanti per valutare se supplementi di vitamina D settimanale migliorare il controllo della glicemia e l'umore nelle donne con diabete. La depressione è associata ad un aumento della resistenza all'insulina, così le persone con diabete hanno un rischio maggiore per la malattia rispetto a quelli senza depressione. Anche le donne tendono ad avere maggiori tassi di depressione e più povero controllo dello zucchero nel sangue rispetto agli uomini con diabete.

"Ci sono prove che suggeriscono che la supplementazione di vitamina D può diminuire la resistenza all'insulina", ha detto il dottor Penckofer. "Se siamo in grado di stabilizzare i livelli di insulina, potremmo essere in grado di migliorare i costi semplice ed efficace controllo della glicemia e ridurre i sintomi di depressione per queste donne."

Loyola sta attualmente arruolando le donne in questo studio clinico. Per entrare nello studio, devono essere tra 18 e 70 anni di età, avere il diabete di tipo 2 stabili, segni di depressione e di nessun altro grave malattia medica. Ottanta donne con diabete di tipo 2 e di segni di depressione sarà data una dose settimanale di vitamina D (50.000 UI) per un periodo di sei mesi. I partecipanti allo studio saranno valutati in tre punti in questo periodo.

"La vitamina D ha benefici diffusi per la nostra alcune malattie croniche, in particolare la salute e," ha detto il dottor Penckofer. "La nostra ricerca potrebbe gettare maggiore luce sul ruolo questo nutriente gioca nella gestione di due condizioni che milioni di impatto di americani. Se dimostrato di avere successo, la vitamina D può un'aggiunta importante per la cura per il diabete e la depressione."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha