Le cellule del cancro al seno Riciclare per sfuggire alla morte da terapia ormonale

Maggio 22, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Circa il 70 per cento delle cellule del cancro al seno hanno recettori per l'ormone estrogeno, che agisce come nutriente e stimola la loro crescita. I pazienti di solito ottengono un antiestrogeno come tamoxifene per cinque anni per cercare di morire di fame, dice il Dr. Patricia V. Schoenlein, ricercatore sul cancro al Medical College of Georgia Scuole di Medicina e Graduate Studies.

"Circa il 50 al 60 per cento di queste donne realmente trarre beneficio dalla terapia ormonale," dice il Dott Schoenlein. Perché gli altri non è stato chiesto da almeno due decenni.




Uno dei motivi potrebbe essere cellule del cancro al seno passare in una modalità di sopravvivenza che le cellule normali usano anche quando di fronte a fame, secondo la ricerca pubblicata nel numero di settembre di Molecular Cancer Therapeutics. Dr. Schoenlein è anche riportando alla ricerca durante la Conferenza mondiale sulla 2 ° Magic Bullets (Ehrlich II) 03-05 ottobre in Nьrenberg, Germania.

Si chiama macroautofagia - autofagia significa "auto mangiare" - e in una settimana, le cellule del cancro al seno può riorganizzare componenti, degradare non essenziali e vivere in questo stato finché la terapia antiestrogeno viene arrestato o cellule mutare e di riprendere la proliferazione in presenza di tamoxifen . "E 'come prendere il piede del pedale del gas della vostra auto," dice il Dott Schoenlein, corrispondente autore dello studio. "La cellula tumorale è in idle, in grado di crescere o replicare. Ma la cella è abbastanza intelligente da usare componenti generati da macroautofagia per le cose più necessarie richieste per la sopravvivenza." Fa notare che macroautofagia non può essere mantenuto indefinitamente; le cellule possono effettivamente auto-digerire. "Si tratta di una strategia a guadagnare tempo."

Farmaci chemioterapici sono più assassini diretti, ma anche uccidere le cellule sane e possono essere tollerati dai pazienti solo per periodi relativamente brevi. La terapia antiestrogeno è più specifico, il targeting cellule del cancro al seno che esprimono i recettori degli estrogeni.

In laboratorio, il 20-25 per cento delle cellule di cancro al seno è morto quando il Dr. Schoenlein e colleghi hanno dato antiestrogeno continuamente nel corso del tempo - simile a come i pazienti a esso. Più tipicamente, le cellule hanno espresso crescenti livelli di macroautofagia e sopravvissero. "Loro non crescono, ma sopravvivono terapia. Loro cresceranno se si toglie la terapia." L'aggiunta di un inibitore macroautofagia promosso morte cellulare robusto.

"Crediamo che il targeting la funzione dell'autofagosoma migliorerà in modo significativo l'efficacia del trattamento ormonale per il cancro al seno estrogeno-positivo", dice il ricercatore. Recentemente ha ricevuto una di tre anni, 1,1 milioni dollari del National Cancer Institute di sovvenzione a perseguire tale strategia.

Si farà ora cercare modi per bloccare macroautofagia in un modello animale, tra cui l'uso clorochina, un farmaco usato per trattare la malaria. "Sappiamo pazienti possono prendere con pochi effetti collaterali", dice. Se funziona in animali, il farmaco, in combinazione con un antiestrogeno, poteva muoversi relativamente rapidamente in sperimentazione umana.

Durante autofagia, il pH interno per il centro di riciclaggio della cella riorganizzata ottiene acido e clorochina aumenta il pH. "Se si aggiunge questa particolare inibitore del centro di riciclaggio, si altera il pH e di bloccare la sua capacità di fare ciò che deve fare," dice il Dott Schoenlein.

Un team dell'Università della Pennsylvania guidati dal Dr. Craig Thompson riportato nel 2007 in The Journal of Clinical Investigation che la clorochina ha aumentato la morte di cellule di linfoma di suicidio-resistente in trattamento con chemioterapia. Dr. Schoenlein darà la clorochina insieme a una morte cellulare antiestrogeno e misura.

"Probabilmente la maggior parte dei tumori utilizzano autofagia come meccanismo di sopravvivenza. È possibile bloccare la dell'autofagosoma con la terapia o si può fare la cellula si mangia al punto di non ritorno e le cellule si autodistrugge. Devi spingere in entrambi i casi," dice. Sebbene non vi siano composti noti in uso clinico per indurre l'autodistruzione per autofagia, vi è qualche evidenza triossido di arsenico, un composto usato in Cina per il trattamento di alcuni tipi di cancro aggressivo, spinge le cellule tumorali a morire da sé digestione, dice. Questo e altri composti sarà senza dubbio essere studiate ulteriormente, dice.

Dr. Schoenlein crede sopravvivenza cancro al seno durante macroautofagia richiede elevata attività della Rb tumore proteina soppressore e bassi livelli di ceramide lipidi. Ceramide è di vitale importanza, ma provoca la morte cellulare ad alti livelli. MCG ricercatore Erhard Bieberich e collega Dr. Brian G. Condie presso l'Università della Georgia ha dimostrato nel 2003 che alti livelli di ceramide uccidere le cellule che sono inutili per lo sviluppo del cervello. I nuovi studi di esplorare ulteriormente i ruoli di Rb e ceramide nella sopravvivenza cancro al seno durante macroautofagia e determinare se la clorochina può cambiare il loro equilibrio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha