Le cellule in muco dai polmoni dei pazienti ad alto rischio in grado di prevedere lo sviluppo del tumore

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un gruppo di pazienti ad alto rischio, un test che ha esaminato il DNA dalle cellule espulsi nell'espettorato le prove di geni "tacere" correttamente identificato la maggior parte dei pazienti che sono stati successivamente diagnosticato un cancro ai polmoni, dicono i ricercatori in uno studio pubblicato nel 15 marzo numero di Cancer Research.

Come tale, il test di espettorato rappresenta potenzialmente un metodo unico, non invasivo, e conveniente di screening che potrebbe portare in precedenza il trattamento del cancro del polmone.

"Short di volte ai raggi X polmoni di una persona per cercare i tumori emergenti, non c'è modo ora per schermo persone ad alto rischio per il cancro al polmone, tanto meno prevedere chi sarà diagnosticato con il cancro in un secondo momento", ha detto lo studio senior autore, Steven Belinsky, Ph.D., direttore del Programma di cancro ai polmoni in Lovelace Respiratory Research Institute di Albuquerque, Nuovo Messico




"Quando perfezionato e validato, questo tipo di test molto promettente per identificare le persone con cancro del polmone abbastanza presto per loro trattare con successo", ha detto.

Il test è stato in grado di prevedere quali pazienti potrebbero sviluppare il cancro ai polmoni fino a 18 mesi più tardi. Facendo tumori polmonari entro tale breve lasso di tempo può cambiare il risultato di un paziente, Belinsky detto, perché queste cellule spesso proliferano rapidamente dopo un lungo periodo di crescita lenta.

"Poiché la maggior parte di persone viene diagnosticato quando il loro tumore è avanzato, non possono beneficiare di un intervento chirurgico, la chemioterapia o radioterapia, che è il motivo per cui la sopravvivenza mediana dalla diagnosi è a soli 13 mesi," ha detto. "Ma i tumori del polmone che può essere rimosso chirurgicamente sono associati con un tasso di sopravvivenza a cinque anni di oltre il 60 per cento."

I ricercatori stanno lavorando per perfezionare il test perché non è ancora abbastanza accurata per la clinica. Ha identificato il 65 per cento delle persone che in seguito hanno sviluppato i sintomi del cancro del polmone, ma anche contrassegnata il 35 per cento dei partecipanti di controllo senza cancro.

"La nostra speranza è che la nostra ricerca continua identificherà ulteriori geni che faranno un test di espettorato come questo altamente predittivo", ha detto Belinsky.

Il test è unico anche perché esamina le cellule sloughed nell'espettorato per la prova che i geni sono stati "spenti", in contrasto con i più tradizionali "biomarker" saggi che cercano una maggiore attività del gene.

Belinsky e il suo team di ricerca hanno sviluppato il test identificando geni noti per essere "hypermethylated" in cancro al polmone - cioè, decorato con molecole conosciute come gruppi metile che funzionano per trasformare un gene off. Stephen Baylin, MD, e James Herman, MD, dal Johns Hopkins Kimmel Cancer Center, Baltimore, Md -. Che sono co-autori dello studio - sono riconosciuti leader in questo settore di ricerca.

L'aggiunta di questi gruppi metilici al DNA citosina base di modifica delle proteine ​​istoniche, che agiscono come bobine attorno a cui il DNA si snoda. Gli istoni svolgono un ruolo nella regolazione genica, e quando alterata, impediscono geni da essere trascritto in proteine, secondo Belinsky.

Queste modifiche alla regione del promotore di un gene offrono scienziati un biomarker per determinare quali sono stati hypermethylated geni, e un panel di tali marcatori possono formare un test, ha detto. Questo test utilizza tratti di DNA artificiale che può attaccare solo a specifici geni metilati.

In questo studio, Belinsky lavorato con i ricercatori presso l'Università del Colorado Health Sciences Center, Denver, Colo., Per sviluppare uno studio caso-controllo accecato e situato all'interno della loro Screening dell'espettorato Cohort Study, che è in corso dal 1993. I ricercatori hanno chiesto se Colorado muco che ricopre tutte le parti del polmone possono contenere prova genetica delle cellule tumorali quando espulso nell'espettorato. Il loro studio ha arruolato pazienti che tutti avevano una storia di fumo e malattia polmonare ostruttiva cronica. Belinsky e i ricercatori hanno esaminato espettorato da 98 persone che hanno sviluppato il cancro, e confrontato questi campioni a 92 partecipanti che non hanno.

Hanno guardato silenziamento di 14 geni noti per essere inattivato a diversi stadi di sviluppo del cancro del polmone, e ha scoperto che sei di questi geni è servito a prevedere chi sarebbe sviluppare il cancro ai polmoni. Questi geni sono P16, PAX5-beta, MGMT, DAPK, GATA5, RASSF1A. Poi, hanno scoperto che i partecipanti che avevano tre o più di questi geni silenziati denaturato, nell'espettorato, raccolti entro 18 mesi dalla diagnosi, avevano un rischio aumento di 6,5 volte per il cancro al polmone.

Il test non ha funzionato bene se l'espettorato è stato raccolto più di 18 mesi prima che il cancro del polmone è stato diagnosticato, Belinsky detto. "La prevalenza di metilazione dei promotori di geni aumentato il tempo di diagnosi di cancro al polmone è diminuito", ha detto.

Una persona che i test positivi per il test avrebbe ricevuto una broncoscopia diagnostica di follow-up o di raggi X per determinare se esistono tumori, Belinsky detto. Se i tumori non sono evidenti, i pazienti potrebbero essere ritestati in diversi mesi.

Egli ha aggiunto che il test potrebbe essere utilizzato anche in futuro per aiutare a guidare la terapia farmacologica. Una nuova classe di farmaci terapeutici è stata sviluppata che sono progettati per ridurre la metilazione dei geni e ripristinare la loro funzione, Belinsky spiegato. "Quando un certo numero di questi agenti venire sul mercato, quindi un test di espettorato migliore potrebbe essere utilizzato per abbinare questi agenti di geni singoli pazienti hanno perso", ha detto. "Possiamo quindi utilizzare questo tipo di test diagnostico."

Oltre a Belinsky, Herman, e Baylin, di studio co-autori includono Kieu Liechty e Federico Gentry presso l'Istituto di ricerca Lovelace Respiratory; Agrifoglio Wolf, Justin Rogers, Kieu Vu, Jerry Haney, Tim Kennedy, Fred Hirsch, York Miller, Wilbur Franklin, Paul Bunn e Tim Byers presso l'Università del Colorado Health Sciences Center; e James Herman, Johns Hopkins Kimmel Cancer Center.


(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha