Le cellule staminali da sangue del cordone ombelicale potrebbero aiutare a riparare danni muscolo cardiaco

Giugno 14, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca ha scoperto che le cellule staminali derivate dal sangue del cordone umano potrebbe essere un'alternativa efficace nella riparazione attacchi di cuore.

Almeno 20 milioni di persone sopravvivere agli attacchi di cuore e ictus ogni anno, secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, ma molti hanno una bassa speranza di vita e necessitano di continua assistenza clinica costose. L'utilizzo di cellule staminali del paziente può riparare gli attacchi di cuore, anche se la loro prestazione può essere limitata a causa di scarsa disponibilità e l'invecchiamento. I ricercatori hanno trovato cellule like-muscolo cardiaco coltivati ​​utilizzando cellule staminali da sangue del cordone ombelicale umano potrebbe aiutare le cellule del muscolo cardiaco di riparazione danneggiati da un attacco di cuore.

Lo studio, condotto dal professor Raimondo Ascione, presidente della Cardiac Surgery e ricerca traslazionale nella Facoltà di Scienze Cliniche presso l'Università di Bristol, è stato pubblicato online in Stem Cell recensioni & Reports.




Lo studio, finanziato dalla British Heart Foundation (BHF) e l'Istituto Nazionale per la Ricerca Sanitaria (NIHR), ha scoperto che è possibile espandere fino a sette volte, in vitro, le cellule staminali rari (chiamata CD133 +) dal sangue del cordone ombelicale umano e poi crescere in cellule del muscolo cardiaco.

I risultati potrebbero avere importanti implicazioni per il trattamento futuro a seguito di un attacco di cuore, dato che le cellule ottenute da adulti a seguito di un attacco di cuore possono essere meno funzionale a causa di fattori di invecchiamento e di rischio.

Professor Ascione ha detto: "Crediamo che il nostro studio rappresenta un avanzamento significativo e supera l'ostacolo tecnico di derivare cellule muscolari di tipo cardiaco dal sangue del cordone umano Il metodo che abbiamo trovato ha gli attributi di semplicità e coerenza Ciò consentirà più robusta manipolazione.. queste cellule verso una migliore homing delle cellule e la riparazione cardiaca in pazienti con infarto miocardico.

"La nostra ricerca suggerisce che in futuro le cellule staminali derivate da strutture bancarie sangue del cordone ombelicale possono essere utilizzate per la riparazione dopo un attacco di cuore."

Lo studio si è concentrato su un raro tipo di cellule staminali, chiamata CD133 +, che è presente anche in adulti midollo osseo. Vi è anche una forte evidenza sperimentale queste cellule derivate dal midollo osseo possono aiutare con la rigenerazione del muscolo cardiaco danneggiato.

Il professor Jeremy Pearson, direttore medico associato presso la British Heart Foundation, ha detto: "La ricerca della medicina rigenerativa in laboratorio, insieme a studi di pazienti, è assolutamente cruciale momento, il danno al cuore causato da attacco di cuore non può essere invertito attraverso la ricerca.. in questo modo tutto il Regno Unito, speriamo di portare la nostra visione di ricucire cuori spezzati alla realtà.

"C'è stato interesse da tempo nell'uso potenziale del sangue del cordone ombelicale come fonte di cellule staminali per la terapia in una varietà di malattie. Questo studio ha dimostrato per la prima volta che è possibile trasformare cellule staminali del sangue del cordone in cellule che sembrano muscolo cardiaco, in laboratorio. I risultati sono incoraggianti, ma ci sono ancora un sacco di domande a cui rispondere prima sapremo se queste cellule possono essere utilizzate con successo per la riparazione cardiaca nei pazienti. "

Nel 2007, la British Heart Foundation (BHF) rilasciato Professor Ascione, oltre Ј200,000 per la prima sperimentazione clinica al mondo, Transact, per verificare se il midollo osseo CD133 + derivate le cellule staminali in grado di riparare le cellule del muscolo cardiaco danneggiato da un attacco di cuore. Recentemente, i finanziamenti per la sperimentazione è stata estesa al 2013.

Lo studio in doppio cieco, controllato con placebo, ha reclutato con successo il 50 per cento dei suoi pazienti con problemi di sicurezza. Sotto la guida del professor Ascione, 31 su 60 pazienti, che hanno subito un grave attacco di cuore, sono state iniettate finora presso l'Heart Institute di Bristol con le cellule staminali dal proprio midollo osseo o un placebo nei loro cuori danneggiati durante l'intervento chirurgico di routine di bypass coronarico.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha