Le cellule staminali maligne possono spiegare perché alcuni tipi di cancro al seno si sviluppano e ripresentarsi

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le mutazioni che si trovano nelle cellule staminali potrebbero essere la causa dei tumori al seno per lo sviluppo e può essere la ragione per la malattia si ripresenta. Queste cellule anormali sono probabilmente controllano funzioni cellulari del tumore e, dato che non sono oggetto di chemioterapia e radioterapia, permettono alla malattia di ripresentarsi.

Le mutazioni sono state scoperte in uno studio condotto da scienziati e medici alla Oregon Health & Science University Cancer Institute Cavaliere. Lo studio, che ha esaminato le cellule di cancro al seno rimosse durante l'intervento chirurgico, è stato recentemente pubblicato online sulla rivista Annals of Surgical Oncology.

"Studiando cellule normali e maligne che sono stati raccolti dai tessuti mammari rimossi durante l'intervento chirurgico, siamo stati in grado di guardare a ciò che sta accadendo nel corpo", ha detto Suellen J. Pommier, Ph.D., l'autore principale dello studio e socio professore di ricerca nella divisione di oncologia chirurgica presso la OHSU Cavaliere Cancer Institute.




Lavorare con campioni prelevati direttamente dai interventi chirurgici effettuati i risultati di questo studio possibile, Pommier ha detto, perché la biologia delle cellule staminali del seno potrebbe essere paragonato con le loro controparti maligne in un modo che non era stato fatto prima. Le linee di cellule in coltura utilizzati nella maggior parte degli studi non possono fornire informazioni accurate sulle cellule staminali del seno normale.

Lo studio, che è stato finanziato principalmente dalla Fondazione Avon per le donne, può dimostrare che alcune terapie attuali che hanno come target le mutazioni nel tumore non saranno efficaci a eradicare la malattia per alcuni pazienti. Suggerisce anche che più ricerca dovrebbe essere fatto in due aree:

  • Determinazione della funzione di/AKT1 segnalazione mutazioni PIK3CA, che sono stati trovati nel 73 per cento dei tumori in questo studio di campioni chirurgici freschi - un tasso di evento che è molto superiore precedentemente rilevato in campioni memorizzati.
  • E, esplorando l'importanza della perdita di espressione CD24, che in precedenza era considerato un requisito per le cellule staminali del cancro al seno, ma non può essere una caratteristica di tutte le cellule staminali del cancro al seno.

Comprendere la biologia dei tumori singoli è la missione primaria della OHSU Cavaliere Cancer Institute. "Questo studio ci ha fornito nuovi elementi in cellule staminali del cancro al seno e, eventualmente, nelle prime mutazioni. Tale informazione è cruciale per lo sviluppo di trattamenti", ha aggiunto Pommier.

Oltre al sostegno della Fondazione Avon per le donne, questo studio è stato finanziato da un Vertex Pharmaceutical/Oregon Health & Science Collaborative Research Grant.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha