Le cellule tumorali propagate da cancro alla prostata

Aprile 16, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di ricercatori del cancro presso l'Università di California, San Diego ha individuato l'esistenza di cellule precursori nel cancro alla prostata. Queste cellule sono resistenti alla terapia di deprivazione androgenica, e possono guidare il successivo emergere di cancro alla prostata recidivante o metastatico.

Le scoperte degli scienziati, suggerendo che già esistono cellule di carcinoma della prostata resistente alla castrazione potenzialmente letali in alcuni pazienti affetti da cancro nelle primissime fasi della malattia, saranno pubblicati da PLoS ONE il 25 settembre del 2013.

Il lavoro descrive l'isolamento e la propagazione delle prime cellule tumorali della prostata ancora identificate in prostata umana campioni di biopsia cancro, permettendo la caratterizzazione molecolare dettagliata di queste cellule tumorali molto nella fase iniziale, compresa l'analisi dell'espressione genica e mutazioni.




"Caratterizzazione molecolare completa delle prime cellule del cancro alla prostata faciliterà l'identificazione di approcci farmacologici che non sono attualmente disponibili," ha dichiarato Martin Haas, PhD, professore di biologia e oncologia a UC San Diego Moores Cancer Center. "Lo sviluppo di tali trattamenti in fase iniziale potrebbe ridurre l'incidenza di progressione del cancro alla malattia invasiva o metastatico ricorrente."

Trattamenti per il cancro alla prostata spesso bersaglio percorsi androgeni. Gli androgeni sono ormoni maschili, come il testosterone, che mostra di ricerca possono nutrire i tumori della prostata. Castrazione-resistente (CR), il cancro alla prostata è il cancro della prostata che è diventato resistente ai trattamenti medici o chirurgici che diminuiscono testosterone.

I ricercatori UC San Diego, tra cui Stephen M. Baird, MD, e Daniel J. Donoghue, PhD, isolate una classe di cellule del cancro alla prostata in fase iniziale di carcinomi prostatici umani che erano stati rimossi dalla prostatectomia chirurgica e coltivate le cellule in un sintetico mezzo privo di ormoni steroidei. In questo modo, i primi cellule tumorali della prostata (CR-PRCA) sono stati isolati da decine di primi della fase I casi di carcinoma della prostata.

Quando trapiantato nelle prostate anteriori del maschio topi SCID le cellule coltivate generate localmente invasive tumori della prostata umani. Nei topi castrati, in assenza di androgeni, le cellule cresciute localmente come cellule non differenziate tumorali umane.

Ampia caratterizzazione di queste cellule CR-PRCA loro ha dimostrato di condividere con caratteristiche staminali tumorali o progenitrici cellule multipotenti che possiedono caratteristiche cellulari prostata basali.

"Una interpretazione dei nostri dati suggeriscono che le cellule di coltura-isolato CR-PRCA sono precursori che, dopo fasi di progressione aggiuntivi, porterebbero a malattia invasiva o metastatico ricorrenti", ha detto Haas. "In effetti, i tumori che sono stati generati da trapianto in topi SCID intatta delle cellule umane in coltura CR-PRCA erano patologicamente indistinguibile dal tessuto tumore originale da pazienti adibite alla coltura delle cellule in coltura," ha spiegato.

La speranza è che i possibili trattamenti futuri destinate queste cellule precursori del cancro alla prostata in fase iniziale potrebbero aumentare le cure e migliorare i tassi di sopravvivenza a lungo termine.

Secondo l'American Urological Association, il cancro alla prostata è il tumore maligno organo solido più comunemente diagnosticato negli Stati Uniti e rimane la seconda causa di decessi per cancro tra gli uomini americani. Circa 240.000 nuove diagnosi di cancro alla prostata e oltre 28.000 decessi sono stati stimati negli Stati Uniti nel 2012.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha