Le cellule umane rispondono in buona salute, modi malsani a diversi tipi di felicità

Ottobre 8, 2015 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il senso di benessere derivato da "un nobile scopo" può fornire benefici per la salute cellulare, mentre "semplice auto-gratificazione" può avere effetti negativi, nonostante un generale senso percepito di felicità, i ricercatori hanno trovato. "Una prospettiva genomica funzionale umana benessere" è stata pubblicata il 29 luglio Proceedings della National Academy of Sciences.

"I filosofi hanno a lungo distinto due forme fondamentali di benessere: una forma 'edonistico' [hee-DON-ic] rappresentano esperienze piacevoli di un individuo, e un [u-DY-MOH-nick] forma più profonda 'eudaimonic,' che i risultati dalla tensione verso significato e uno scopo nobile di là della semplice auto-gratificazione ", ha scritto Fredrickson e dei suoi colleghi.




E 'la differenza, per esempio, tra godendo di un buon pasto e la sensazione di contatto a una comunità più ampia attraverso un progetto di servizio, ha detto. Entrambi ci danno un senso di felicità, ma ognuno è vissuto in modo molto diverso nelle cellule del corpo.

"Sappiamo da molti studi che entrambe le forme di benessere sono associati con una migliore salute fisica e mentale, al di là degli effetti di riduzione dello stress e depressione", ha detto Fredrickson. "Ma abbiamo avuto meno informazioni sulle basi biologiche di queste relazioni."

Collaborare con un team della University of California di Los Angeles guidati da Steven W. Cole, professore di medicina, psichiatria e scienze comportamentali, Fredrickson ei suoi colleghi hanno esaminato l'influenza biologica di edonistico e eudaimonic benessere attraverso il genoma umano. Erano interessati al pattern di espressione genica all'interno delle cellule immunitarie delle persone.

Lavoro passato da Cole e colleghi avevano scoperto un cambiamento sistematico in genica associata a stress cronico, un cambiamento ", caratterizzata da una maggiore espressione di geni coinvolti nell'infiammazione" che sono implicati in una vasta gamma di malattie umane, tra cui l'artrite e le malattie cardiache, e "diminuita espressione di geni coinvolti in ... risposte antivirali," lo studio ha rilevato. Cole e colleghi hanno coniato la frase "risposta trascrizionale conservato alle avversità" o CTRA per descrivere questo cambiamento. In breve, l'impronta digitale genomica funzionale di stress cronico ci prepara per la malattia, Fredrickson ha detto.

Ma se tutta la felicità è creati uguali, e altrettanto di fronte al malessere, poi i modelli di espressione genica dovrebbero essere gli stessi a prescindere edonistico o eudaimonic benessere. Non è così, i ricercatori hanno trovato.

Eudaimonic benessere è stato, infatti, associato ad una significativa diminuzione del CTRA profilo di espressione genica legati allo stress. Al contrario, hedonic benessere era associata con un aumento significativo nel profilo CTRA. I loro genomica basata analisi, gli autori hanno riportato, rivelano i costi nascosti di puramente edonistico benessere.

Fredrickson trovato i risultati inizialmente sorprendenti, perché studio partecipanti stessi hanno riportato sensazioni generali di benessere. Una possibilità, ha suggerito, è che le persone che soffrono di più edonistico di eudaimonic benessere consumano l'equivalente emotivo di calorie vuote. "Le loro attività quotidiane forniscono felicità a breve termine ma comporta conseguenze fisiche negative a lungo termine," ha detto.

"Siamo in grado di farci felice attraverso i piaceri semplici, ma quelle 'calorie vuote' non aiutarci ampliare la nostra consapevolezza o costruiamo la nostra capacità in un modo che noi beneficio fisicamente," ha detto. "A livello cellulare, i nostri corpi sembrano rispondere meglio ad un diverso tipo di benessere, uno basato su un senso di connessione e lo scopo."

I risultati rafforzano precedente lavoro di Fredrickson sugli effetti delle emozioni positive, così come la ricerca che collega un senso di connessione con la longevità. "Comprendere la cascata di espressione genica contribuirà a informare ulteriormente il lavoro in questi settori", ha aggiunto.

Fredrickson collaborato con Karen M. Grewen, professore associato di psichiatria alla Scuola di Medicina di UNC; e Kimberly A. Coffey, professore assistente di ricerca, e Sara B. Algoe, assistente professore, sia della psicologia, nel Collegio di UNC delle Arti e delle Scienze.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha