Le diete altamente calorico aumenta l'aumento di peso, riducono i ricoveri ospedalieri per adolescenti con anoressia

Maggio 21, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le diete altamente calorico producono il doppio del tasso di aumento di peso rispetto alle diete ipocaloriche inferiori che attualmente consigliate per gli adolescenti ospedalizzati con anoressia nervosa, secondo uno studio condotto da ricercatori presso l'ospedale UCSF Benioff bambini.

I risultati saranno pubblicati nel numero di novembre del Journal of Adolescent Health insieme a un editoriale di accompagnamento e due studi a sostegno, sfidando l'approccio conservativo corrente ad alimentare negli adolescenti con anoressia nervosa durante il ricovero per la malnutrizione.

"Questi risultati sono cruciali per sviluppare linee guida basate sull'evidenza per il trattamento dei giovani che soffrono di malnutrizione legati all'anoressia nervosa", ha detto Andrea Garber, PhD, RD, professore associato di pediatria presso la Divisione di Medicina dell'Adolescenza dell'Ospedale UCSF Benioff bambini.




"Questo è il primo studio per seguire i pazienti in ospedale su un protocollo di alimentazione più aggressivo ed è chiaro che stiamo vedendo risultati migliori rispetto al tradizionale approccio", ha detto Garber, che ha condotto la ricerca con i colleghi in Mangiare UCSF Adolescent Disturbi del programma.

L'American Psychiatric Association, American Dietetic Association e altri raccomandano la partenza con circa 1.200 calorie al giorno e avanzando lentamente di 200 calorie ogni giorno. Questa "start basso e andare piano" approccio ha lo scopo di evitare la sindrome rialimentazione - una condizione potenzialmente fatale derivante da spostamenti elettroliti rapidi, un rischio ben noto quando inizia la terapia nutrizionale in un paziente muore di fame.

Nel 2011, Garber ei suoi colleghi hanno pubblicato uno studio che è stato il primo a dimostrare che gli adolescenti su queste diete a basso contenuto calorico avuto scarsi risultati, tra cui la perdita di peso iniziale seguito da scarso aumento di peso e lunga degenza.

"Questo studio ha dimostrato che le diete a basso contenuto calorico contribuivano alla cosiddetta 'sindrome di sottoalimentazione' e sono solo troppo conservatore per la maggior parte degli adolescenti che ricoverare", ha detto Garber. "Ora abbiamo confrontato un approccio di alto contenuto calorico e verificando che non aumenta notevolmente il tasso di aumento di peso e riduce degenza ospedaliera."

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno valutato 56 pazienti adolescenti che sono stati immessi sul diete ad alto contenuto calorico a partire da 1800 calorie al giorno e avanzato di circa 120 calorie al giorno, rispetto a quelli a partire dal 1100 calorie al giorno e avanzata ad un ritmo di 100 calorie più lento al giorno.

I partecipanti allo studio erano adolescenti con anoressia nervosa, che ha richiesto l'ospedalizzazione per malnutrizione indicato dalla bassa temperatura corporea, pressione arteriosa, frequenza cardiaca e indice di massa corporea. I pazienti adolescenti di sesso femminile principalmente bianchi sono stati nutriti tre pasti e tre spuntini al giorno e loro segni vitali sono stati monitorati da vicino, con le loro frequenze cardiache misurate in continuo e elettroliti controllati due volte al giorno.

Confrontando i due gruppi, il tasso di aumento di peso è stato quasi il doppio rispetto a più alto su diete a basso contenuto calorico, e pazienti che ricevono più calorie sono stati ricoverati per una media di sette giorni un minor numero, senza un aumento del rischio di sindrome di rialimentazione.

"Questo approccio calorico superiore è un grande cambiamento nel trattamento che sembra davvero promettente - non solo dal punto di vista clinico migliore aumento di peso, ma dal punto di vista di questi giovani che vogliono migliorare in fretta e tornare alla loro 'vera' vita ", ha detto Garber.

Dal 2008, il Disorders Programma UCSF Adolescent Mangiare è stato iniziando pazienti su un approccio di calorie superiore in risposta alla ricerca emergente da Garber e dei suoi colleghi.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha