Le disparità in carcinoma della testa e del collo pazienti

Marzo 17, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova analisi rileva notevoli disparità nella sopravvivenza legate alla razza e status socio-economico tra i pazienti con tumore della testa e del collo.

Pubblicato in 15 novembre 2008 del CANCRO, una rivista peer-reviewed della American Cancer Society, lo studio indica che la diagnosi precoce e maggiore accesso alle cure potrebbero migliorare i risultati per questi tumori tra gli afro-americani e dei poveri.

Una serie di studi hanno esaminato le disparità di sopravvivenza al cancro tra i diversi gruppi per aiutare individuare interventi per migliorare i risultati dei pazienti. Per studiare i fattori che la sopravvivenza impatto dalla testa e del collo, il dottor Leonidas Koniaris e colleghi presso l'Università di Miami School of Medicine ha esaminato tutti i casi di cancro della testa e del collo in Florida tra il 1998 e il 2002. Con l'estrazione dati dal Cancer Data System Florida e l'Agenzia Florida per la Sanità Amministrazione dataset, sono stati in grado di accumulare dati sulle diagnosi, le condizioni di comorbidità, e le procedure eseguite durante ogni ricovero o ambulatoriale visita tra 20.915 pazienti cancro della testa e del collo in quel periodo.




La revisione ha trovato risultati più poveri sono stati associati con la razza, la povertà, l'età, il sesso, sede del tumore e lo stadio, il tipo di trattamento, e una storia di fumo e consumo di alcol.

Per quanto riguarda la razza, il tempo medio di sopravvivenza tra gli ispanici era di 47 mesi, rispetto ai 40 mesi tra i caucasici e 21 mesi tra gli afro-americani. I pazienti afro-americani sono stati diagnosticati in età più giovane e presentati con malattia più avanzata rispetto ai caucasici. Per tutte le fasi del tumore, i pazienti afro-americani avevano un tempo di sopravvivenza medio significativamente più breve rispetto ai caucasici, a prescindere dal livello di povertà. Trattamenti differivano anche tra queste due gare: Caucasici sono stati più probabile che gli afro-americani di avere subito un intervento chirurgico (45 per cento vs 32 per cento), mentre gli afro-americani sono stati più probabilità rispetto ai caucasici a ricevere la chemioterapia (26 per cento vs 19 per cento) e la radiazione ( 66 per cento vs 56 per cento). Tuttavia, anche tra i pazienti che hanno ricevuto un intervento chirurgico, gli afro-americani avevano un tempo di sopravvivenza più breve rispetto ai caucasici.

Nel valutare lo stato socio-economico, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti che vivono in comunità con livelli di povertà superiori al 15 per cento sono stati diagnosticati con tumore della testa e del collo in età significativamente più giovani, più frequentemente diagnosticati con malattia avanzata, e aveva la sopravvivenza media inferiore era più basso di tutte le età . Tempo medio di sopravvivenza è stata significativamente più breve nei pazienti dalle aree con i tassi di povertà più elevati, indipendentemente dal tipo di terapia è stato ricevuto.

Gli autori concludono che le disparità razziali continuano ad esistere nella sopravvivenza del cancro della testa e del collo. Le disuguaglianze socio-economiche sono evidenti anche in testa e la sopravvivenza del collo, anche quando i poveri ricevono un trattamento per la loro malattia.

"La diagnosi precoce, in particolare in quelli di gruppi a basso status socio-economico e tra i pazienti afro-americani, è necessario per migliorare i risultati", ha scritto gli autori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha