Le donne anziane non possono beneficiare di radioterapia dopo l'intervento chirurgico al seno

Aprile 22, 2016 Admin Salute 0 33
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una radiazione Rhode Island Hospital dice oncologo in un nuovo editoriale che ricerca esplorando l'impatto della radioterapia in donne anziane con basso rischio di recidiva del tumore al seno ha un effetto sulle decisioni cliniche reali. L'editoriale scritto da David E. wazer, MD, capo del dipartimento di oncologia di radiazione, è pubblicato in questo numero del Journal of Clinical Oncology.

Conservativa del seno di terapia (BCT), ha dimostrato di avere risultati paragonabili a mastectomia, consentendo alle donne di conservare il loro seno senza compromettere la loro possibilità di essere guarito dal cancro. BCT inoltre è stata associata con una migliore qualità della vita, rispetto a mastectomia. La radioterapia è parte integrante della BCT, e il suo vantaggio è chiaramente dipende dal rischio di base di ipsilaterale recidiva del tumore al seno (IBTR) dopo l'asportazione chirurgica da sola, ed è piccolo in pazienti a basso rischio di recidiva. Molteplici studi hanno dimostrato che il rischio IBTR diminuisce con l'età, e ha spinto l'analisi dei benefici della radioterapia per i pazienti più anziani con cancro al seno.

"Se un paziente più anziano è stato trattato per il cancro al seno, e ha un basso rischio di recidiva, ci può essere alcun motivo clinico per sottoporli a una terapia di radiazioni", ha detto wazer. "E 'semplicemente non è necessario - non migliorerà la loro qualità della vita, né aumentare la loro possibilità di sopravvivenza."




Wazer fa riferimento il 9343 processo cancro e leucemia Gruppo B, che ha dimostrato che la radioterapia non ha benefici distinguibili come misurato da una mastectomia gratuito (MFS) o sopravvivenza globale in un gruppo altamente selezionato di pazienti di età 70 o più anziani con il recettore degli estrogeni (ER) tumori positivi che ricevuto cinque anni di tamoxifene.

Nonostante le prove a sostegno di questa conclusione, una recente Surveillance, Epidemiology and End Results (SEER) analisi del database -Medicare dimostrato che questi dati ha un impatto minimo sulle decisioni cliniche, suggerendo che gli oncologi percepiscono differenze significative tra i pazienti trattati nella pratica clinica di routine rispetto a quelli arruolati negli studi clinici.

"È vero, ci sono fattori all'analisi del database SEER-Medicare che potrebbero sollevare le sopracciglia,", ha detto wazer. "Per esempio, in assenza di dati diretti relativi all'incidenza di IBTR, gli autori sono stati costretti ad utilizzare codici di fatturazione come surrogati di eventi clinici, cioè lo stesso codice di fatturazione mastectomia registrata come indicativo di recidiva potrebbe essere riflettente di tutto estranei evento. "

Wazer continuato, "Ma oncologi deve guardare il quadro. Sarà la radioterapia veramente aiutare il paziente nel suo 70s che è a un rischio molto basso di recidiva? Non è probabile. E 'sconcertante vedere che, nonostante studi clinici di alta qualità prove a sostegno della omissione di radioterapia al seno in alcuni pazienti più anziani, il modello di pratica clinica negli Stati Uniti sembrano mostrare piccolo cambiamento. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha