Le donne che fumano in gravidanza, più probabilità di avere un bambino con con autismo ad alto funzionamento

Giugno 20, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne che fumano in gravidanza possono essere più probabilità di avere un bambino con autismo ad alto funzionamento, come il Disturbo di Asperger, secondo i risultati preliminari di uno studio condotto da ricercatori coinvolti nel programma di sorveglianza autismo US dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

"E 'noto da tempo che l'autismo è un termine ombrello per una vasta gamma di disturbi che compromettono le abilità sociali e di comunicazione", dice Amy Kalkbrenner, professore assistente presso l'Università di Joseph J. Zilber Scuola di Wisconsin-Milwaukee of Public Health, autore principale dello studio. "Quello che stiamo vedendo è che alcuni disturbi nello spettro autistico, più di altri, possono essere influenzati da un fattore, come se una madre fuma durante la gravidanza."

Lo studio è stato pubblicato 25 aprile online dalla rivista Environmental Health Perspectives.




Fumare durante la gravidanza è ancora comune negli Stati Uniti, nonostante i suoi effetti nocivi conosciuti sui bambini. Kalkbrenner ha rilevato che il 13 per cento delle madri i cui figli sono stati inclusi nello studio avevano fumato durante la gravidanza.

Kalkbrenner e basati sulla popolazione di studio rispetto dati fumatori colleghi di certificati di nascita di migliaia di bambini provenienti da 11 stati a un database di bambini con diagnosi di autismo gestito da autismo e disabilità dello sviluppo del CDC di monitoraggio di rete (ADDMN). Dei 633.989 bambini, nati nel 1992, 1994, 1996 e nel 1998, 3.315 sono stati identificati come aventi un disturbo dello spettro autistico all'età di 8 anni.

"Lo studio non dice con certezza che il fumo è un fattore di rischio per l'autismo", dice Kalkbrenner. "Ma non dice che se c'è una associazione, è tra il fumo e alcuni tipi di autismo", implicando i disordini nello spettro autistico che sono meno gravi e consentono ai bambini di funzionare a un livello superiore. Questo collegamento, aggiunge, necessita di ulteriori studi.

Aprile è Autism Awareness Month, e diversi studi di possibili legami tra fattori ambientali e autismo sono in corso di pubblicazione da Environmental Health Perspectives, allo stesso tempo, come lo studio di Kalkbrenner. "Il CDC ha recentemente pubblicato i dati indicano che 1 su 88 bambini ha un disturbo dello spettro autistico, rendendo tali studi ambientali ancora più tempestive", dice Kalkbrenner.

Perché l'autismo comporta un ampio spettro di condizioni e l'interazione della genetica e l'ambiente è così complesso, nessuno studio può spiegare tutte le cause dell'autismo, aggiunge. "L'obiettivo di questo lavoro è quello di contribuire a fornire un pezzo del puzzle. E in questo abbiamo avuto successo."

Oltre a condurre autore Kalkbrenner, co-autori sono: Joe Braun, Harvard School of Public Health; Maureen Durkin, University of Wisconsin-Madison Facoltà di Medicina e Sanità Pubblica; Matthew Maenner, Waisman Center at UW-Madison; Christopher Cunniff, University of Arizona College of Medicine; Li-Ching Lee, Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health; Sydney Pettygrove, Mel e Enid Zuckerman College of Public Health presso la University of Arizona; Joyce Nicholas, Medical University of South Carolina; e Julie Daniels, UNC Gillings School of Public Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha